Chi ha orecchie per intendere intenda…

Un lupo andava al seguito di un gregge di pecore, senza far loro alcun male. Il pastore, sulle prime, lo teneva a bada come un nemico, e lo sorvegliava con estrema diffidenza. Ma quello ostinatamente lo seguiva, senza arrischiare il minimo tentativo di rapina. Così gradatamente il pastore si convinse di avere in lui un custode, piuttosto che un nemico intenzionato a danneggiarlo.

Un giorno ebbe bisogno di recarsi in città, gli lasciò le pecore in custodia e partì tranquillo. Ma il lupo seppe cogliere l’occasione: si lanciò sul gregge e ne fece strage sbranandone una gran parte. Il pastore, quando fu di ritorno e vide la rovina del suo gregge, esclamò: “Mi sta bene! Quale stupidità mi ha spinto ad affidare le pecore ad un lupo?”.

Allo stesso modo, coloro che affidano i propri beni a persone avide naturalmente li perdono.

Favole di Esopo

Il lupo e il pastore

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie