peggiorare la vita della gente e continuare a giustificare il furto.

E’ bello sentire il nostro presidente del consiglio, un altro dei non eletti dai cittadini, dichiarare in televisione l’esatto opposto di quanto le cronache dei giornalisti riportano dell’ultimo vertice Ue.

Il primo, cioè il professore: “Finalmente si parla di crescita dopo due anni di vertici sulla crisi”;

i secondi, i cronisti: “incontro molto deludente…della crescita praticamente non si è parlato”.

Lo stato di confusione si accresce quando poi vedi gli indici italiani…crollo totale su tutti i fronti…non ce n’è uno che vada bene !

Disoccupazione record !

Crescita vicina allo zero…-1,4% in confronto all’anno precedente…quando c’era Berlusconi !

Rapporto debito/Pil…altro record…anche questo in negativo…

Aumento dell’inflazione record…con i beni di prima necessità che volano oltre il 4% (gli alimentari) e il 20% (gasolio e benzina)…

Tutto ciò che era pubblico…cioè scuola e sanità…cade a pezzi peggio di Pompei, del Colosseo.

Scioperi e proteste in tutto il paese, con la questione No Tav che porta i rappresentanti del governo dei professori a dichiarazioni da studenti elementari…senza offesa per gli studenti elementari.

Vogliamo il dialogo, ma basta con le violenze (????…ma di chi parlano????)…e comunque non torniamo indietro (…e che dialogo sarebbe???).

Alla confusione generale, tipica di persone che non sanno neanche di cosa parlano, si aggiungono i leader della politica italiana…quella politica che nei banchi del parlamento fa passare il taglio delle pensioni, l’aumento delle tasse per i più deboli, ma blocca un adeguamento al ribasso dei loro emolumenti, blocca le liberalizzazioni, rimaste, come l’equità, le parole di facciata di un esecutivo senza faccia, ci ripensa sulle banche…sposta all’anno venturo il pagamento della Chiesa per le attività commerciali…cioè tutte, comprese le scuole private dove si paga un botto di soldi per avere la promozione certa…non fa un passo serio contro la corruzione…e per l’evasione non sfiora neanche le grandi aziende che, a detta di tutti, sono le maggiori responsabili.

Meno male che c’è Silvio…che di sera, benché tirato per la giacchetta, ricolloca Alfano nel ruolo di pupazzo che, nei fatti, gli è stato concesso…e la mattina, più sobriamente, ripete come sempre che non si è capito cosa lui in realtà volesse dire…

Poi c’è Bersani…beh quello che lui e il suo partito vogliono dire rimane un mistero per tutti…la puntata di servizio pubblico ne è stata testimone…un groviglio di un nulla…che è, nei fatti, il pensiero politico di questo partito.

Di Fini, Casini, Bossi…e di quelli che li seguono…cosa c’è da dire?….I primi due sono spiaccicati sulla linea governativa…l’ultimo fa l’opposto…ma nessuno dei tre….manco a cecarli…dice una cosa per la gente…per i morti sul lavoro…per un’opera, come la Tav, inutile e dannosa, per i pensionati…per un servizio pubblico ridotto in macerie.

Ma benché non ci sia una cosa che vada per il verso giusto…lo spread, quello che quando le cose andavano meglio saliva a dismisura…ora invece scende…velocemente…vorticosamente.

Dovrebbe indicare l’affidabilità di una nazione…la sua capacità di produrre reddito e, quindi, di essere in grado di pagare i suoi debiti.

Ebbene…tutto dice il contrario…ma la fiducia cresce…di chi non si sa….

Boh…grande è il mistero di un sistema che non ha nessun dato certo, che gioca con le variabili dell’economia, sfruttando questa o quella, solo per peggiorare la vita della gente e continuare a giustificare il furto.

Non un sistema, non un incognita, non professori, non politici, solo una patetica giostra dei potenti del mondo difesi e rappresentati dai loro grigi travet travestiti da statisti.

http://www.reset-italia.net/2012/03/02/crescita-defalazione-decrescita/

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie