anti-vivisezione in vetrina:simulazione shock di test sugli animali

Performance anti-vivisezione in vetrina. Simulazione shock di test sugli animali in un negozio in pieno centro a Roma. L’iniziativa è stata organizzata dalla catena dei cosmetici freschi, Lush Italia, 100 per cento animal free, e “Occupy Green Hill”, il movimento per la liberazione dei beagle detenuti nello

stabilimento di Montichiari, per fermare le torture dei test sugli animali. Gli attivisti si sono vestiti come chirurghi e una ‘cavia’ umana, che inscenava un

animale, era sul lettino delle torture, legata e imbavagliata. Intanto il 16 giugno è previsto un grande corteo organizzato da OccupyGreenHill e Coordinamento Antispecista del Lazio, “che porterà nella capitale le ragioni di chi da anni si batte per la fine di una pratica violenta come la vivisezione e per chiedere l’immediata chiusura di Green Hill, l’allevamento di beagle di Montichiari, nel bresciano, dal quale ogni mese oltre 250 cani partono per andare a morire nei laboratori di vivisezione di tutta Europa”, dicono le associazioni. Plauso dalla Federazione Associazioni Diritti Animali e Ambiente: “Ringraziamo chi ha voluto rappresentare con tanta immediatezza uno spaccato di quella che è la realtà atroce della vivisezione, informando direttamente i cittadini”. La Federazione insiste quindi sulla necessità di approvare “l’attuale versione dell’art.14 della legge comunitaria – che vieta

l’allevamento sul territorio nazionale l’allevamento di cani, gatti e primati destinati alla sperimentazione in vivo ed impone l’uso dell’anestesia o analgesia negli esperimenti”. Secondo le associazioni, nel triennio 2007-2009 in Italia sono stati usati 2.602.773 animali per sperimentazione nella sola Italia, “questo significa che ogni giorno 2.376 animali iniziano il percorso di torture dentro un laboratorio”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie