Cavezzo:demolizione di casa Paltrinieri, avvenuta all’insaputa dei proprietari

La denuncia della famiglia Paltrinieri: “non ci hanno neanche avvisato, lo abbiamo scoperto dalla tv”

I proprietari sono convinti: la loro casa aveva resistito al terremoto e si poteva ristrutturare. Tuttavia, senza alcun preavviso, la palazzina è stata abbattuta. La famiglia Paltrinieri è sul piede di guerra: “Non finisce qui, chiameremo un avvocato”.

E proprio l’avvocato, racconta il Resto del Carlino, sta raccogliendo tutta la documentazione “per appurare se la demolizione è legittima oppure se c’è qualche anomalia. Nel frattempo stiamo valutando una serie di azioni di natura amministrativa, civile, penale da mettere in campo qualora emergessero aspetti discutibili relativi alla demolizione dell’edificio”.

Dopo la scossa del 29 maggio, l’immobile contiguo era collassato, ma non la casa della famiglia Paltrinieri: tetto e travi portanti apparentemente erano in buone condizioni. I proprietari, inoltre, non sono stati avvisati circa la demolizione, lo hanno appreso vedendo le immagini trasmesse in televisione.

“La demolizione è avvenuta senza comunicare la decisione a nessuno – spiega l’avvocato – Eppure, in Comune sanno che la maggior parte dei proprietari dell’abitazione non sono residenti a Cavezzo. Inoltre, dall’albo pretorio online risulta che l’ordinanza di demolizione sarebbe stata emessa ad abbattimento avvenuto. Si tratta di una situazione molto grave, moralmente vergognosa, perché è stata demolita una casa nella zona rossa senza avvertire proprietari e residenti che non hanno nemmeno avuto il tempo di recuperare oggetti personali e ricordi di famiglia”.

La demolizione di casa Paltrinieri, avvenuta all’insaputa dei proprietari, sarà discussa a Roma grazie a un’interrogazione parlamentare del Radicali: “Lo Stato può essere più pericoloso del terremoto?”

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie