L’acqua è di tutti: installazione artistica realizzata con 3.000 bottigliette in Pet

E’ l’installazione artistica, tutta italiana, realizzata utilizzando ben 3.000 bottigliette in Pet. Un progetto per riflettere sul consumo di un bene prezioso. L’opera di Manolo Benvenuti, Claudio Ballestracci e Giulio Accettulli

Una gigantesca bottiglia, tanto grande da poterci entrare dentro, dall’aspetto abbandonato e leggermente interrata, come se emergesse dal suolo, è comparsa oggi a Parigi. Si tratta in realtà di un’installazione artistica realizzata utilizzando ben 3.000 bottigliette in Pet per ribadire che “L’acqua è di tutti”, come sottolinea il titolo dell’opera di Manolo Benvenuti, Claudio Ballestracci e Giulio Accettulli.

Arriva a Parigi in occasione del festival Fontaines en Scéne (fino al 3 giugno) e fonde arti plastiche, musica (quella originale di Marco Mantovani) e filosofia del riutilizzo. L’installazione è sostenuta da Ambiente Festival e da un gemellaggio fra i comuni di Rimini e Périgueux (Francia) e sviluppa il tema dell’acqua come bene sociale e relazionale. Dopo Parigi, l’installazione sarà a Ginevra dal 2 al 12 agosto.

All’interno della gigantesca bottiglia, che funge da auditorium, ci sono quattro fontane sonore: quando ci si avvicina, il flusso dell’acqua si arresta e al suo posto ‘sgorga’ la musica. L’esecuzione è completa solo quando si suonano tutte e quattro le fontane, come in un quartetto d’archi.

Nelle varie fasi della realizzazione di “L’acqua è di tutti”, sono stati coinvolti amministratori, scolaresche, associazioni, volontari, allo scopo di dare vita ad un progetto che vuole far riflettere sul consumo di acqua e sulle implicazioni economiche e ambientali che questo comporta: sfruttamento industriale di un bene comune, cattivo utilizzo e sprechi, smaltimento della plastica, inquinamento.

Per realizzare la copertura sono stati condotti laboratori con scolaresche dai 10 ai 19 anni, che a partire da un container stipato di rifiuti plastici, oltre che dai sacchi forniti dalle stesse scolaresche chiamate a selezionare e conservare i loro rifiuti domestici, sono state recuperate le bottiglie in Pet. Ogni singola bottiglia è stata selezionata, privata dell’etichetta, lavata, separata dal collo e dal fondo, appiattita a mano e successivamente stirata col ferro, ritagliata a mo’ di tessera, perforata e infine affissa alle reti di supporto.

Al termine dei laboratori sono state inoltre mostrate altre applicazioni degli elementi decorativi in Pet, ottenute utilizzando la stessa tecnica di lavorazione.

 

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie