epidemia di influenza aviaria colpisce le foche

Una nuova epidemia di influenza aviaria sta facendo strage di foche lungo le coste americane del New England. A lanciare l’allarme sono i ricercatori della Columbia University, del Noaa e dell’Usgs, che hanno scoperto una mutazione del virus H3N8 che si sta diffondendo tra le foche colpendo soprattutto i cuccioli.

Tra settembre e dicembre 2011, 162 foche sono state trovate morte lungo la costa del New England.  I ricercatori, attraverso le analisi, hanno scoperto che gli esemplari erano stati colpiti da un ceppo di influenza Aviaria, uguale a quello che aveva contagiato fin dal 2002 gli uccelli acquatici del nord America. La ricerca, riportata su Live Science, ha scoperto che nel corso degli anni molti animali tra cui foche, pipistrelli, maiali, uccelli e balene sono stati infettati dal virus dell’influenza A.

Tuttavia gli adattamenti osservati in questo nuovo virus suggeriscono che potrebbe essere in grado di continuare ad infettare le foche e,  secondo gli scienziati americani, potrebbe anche evolversi in un nuovo ramo di virus H3N8, come già successo con i cavalli e i cani.  Le trasformazioni subite l’hanno reso in grado di legarsi anche ai recettori per l’influenza nei mammiferi e, dunque, di vivere come “ospite” in entrambe le specie.  Il virus riesce anche a colpire una proteina presente nell’apparato respiratorio umano.

lastampa.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie