Il coraggio di un bambino di 6 anni, vede morire i suoi e consola la sorella

Testimone della sparatoria in cui sono morti genitori e fratelli. Dopo aver raccontato tutto alla polizia, consola la sorella di 3 anni

Un bambino di sei anni racconta alla polizia come un commando di killer ha massacrato i suoi genitori, i fratellini di otto anni e otto mesi, e tre vicini. Poi il bimbo prende sotto il braccio la sorellina di tre anni. E finalmente si abbandona al pianto. Sono le immagini catturate da un fotografo dell’agenzia Epa giunto sul luogo dell’ennesima mattanza in Guatemala quando il fumo degli spari non si era ancora posato.

Come racconta il Daily Mail, i due bambini sono stati fortunati ad essere sfuggiti illesi alla pioggia di pallottole riversata dagli ignoti killer sulla loro piccola casetta di campagna a Las Escobas, nella municipalità di Villa Canales, 22 chilometri a sud di Guatemala City. Nelle foto si vede il piccolo Carlos indicare agli agenti il luogo dell’aggressione, mima persino gli assassini dei suoi familiari facendo il segno del mitra. Quindi abbraccia la sorellina. E in un ultimo scatto lo si vede singhiozzare, con il volo coperto dai pugni.

Leggi dalla fonte originale: Corriere.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie