Giardino ecologico: guida agli antiparassitari naturali

Per avere un giardino bello e rigoglioso non è necessario ricorrere agli antiparassitari chimici, che possono essere pericolosi anche per l’uomo e per gli animali domestici, oltre ad inquinare l’ambiente disperdendo sostanze di sintesi non del tutto sicure.

E’ arrivato il momento di imparare a sfruttare al meglio tutte le possibilità offerte dagli antiparassitari naturali: efficaci, sicuri ed ecologici.

Antiparassitari naturali: di cosa si tratta?

Gli antiparassitari naturali sono dei validi sostituti di quelli chimici. Purtroppo, un po’ per pigrizia, un po’ per mancanza di conoscenze in merito, molti appassionati di giardinaggio, non appena una pianta si ammala, ricorrono al rimedio più facile e veloce, cioè quello che trovano sul bancone del supermercato.

Gli antiparassitari chimici, però, oltre ad inquinare, possono essere pericolosi per tutti gli esseri viventi che vi entrano in contatto. Il risultato è che si finisce per colpire non solo il parassita che infesta le piante malate ma anche altri animali che frequentano giardini e orti, nonché numerosi insetti innocui.

Per tutte queste ragioni è bene conoscere ed utilizzare, per quanto possibile, le alternative naturali agli antiparassitari chimici.

Quali sono gli antiparassitari naturali più efficaci?

Il Bicarbonato (sì, proprio quello che troviamo in casa) è un ottimo rimedio contro oidio, botrite e muffe delle piante. Per utilizzarlo devi diluirlo in acqua ed applicarlo sulle piante malate.

Se il problema sono i funghi, prima di ricorrere a rimedi più aggressivi e pericolosi, puoi optare per dell’estratto di Equiseto. Il macerato di Equiseto è particolarmente efficace come fungicida. Per la stessa problematica possono andare bene anche sostanze come Zolfo e Rame.

Sapevi che anche alcune piante possono rivelarsi efficaci come antiparassitari naturali? Una di queste è l’Ortica, il cui macerato è l’ideale per uccidere gli acari che affollano le nostre piante.

E come non citare anche l’olio di Pino, un toccasana per la pianta infestata dalle terribili cocciniglie. L’olio di Pino è utile anche contro le larve di lepidotteri e contro i tripidi.

L’olio di Neem, invece, contiene una sostanza killer per afidi e cocciniglie. Si tratta della Azadiractina, un rimedio tanto efficace da essere impiegato anche nelle colture di tipo biologico: funziona alla perfezione, uccidendo afidi e cocciniglie, ma va bene anche come fungicida radicale. Oltre a ciò, non inquina, è sicuro e stimola anche la crescita delle piante. Un vero trattamento completo!

Un ultimo rimedio sono le tecnologiche trappole ai feromoni, che attirano ed uccidono solo alcuni tipi di insetti, grazie ad un’esca a base di ormoni sessuali.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie