Presepe senza animali per dire stop alla vivisezione

L’invito a fare il Presepe senza animali, quest’anno, è la brillante provocazione dell’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente) per dire no alla vivisezione.

Nonostante tutti rabbrividiscano all’idea delle torture che gli animali sono costretti a subire nei laboratori, ogni anno in Italia, nel silenzio generale, oltre 680.000 animali vengono uccisi, maltrattati o gravemente feriti durante gli esperimenti di vivisezione.

Si tratta di una tortura legalizzata ai danni dei nostri amici animali che ogni giorno avviene sotto i nostri occhi.

Proprio nel giorno dell’Immacolata, data in cui, tradizionalmente, vengono realizzati i Presepi in tutta l’Italia, l’AIDAA ha lanciato la sua campagna per dire no alla vivisezione e alla sperimentazione sugli animali. Questa andrà avanti fino al giorno di Natale.

Vuoi partecipare? Fai il Presepe senza il bue, l’asinello e le pecorelle, fotografalo e invia la tua foto via e-mail all’indirizzo: presidenza.aidaa@gmail.com.

Le immagini verranno pubblicate sulla pagina Facebook dell’Associazione e sul suo blog. A Natale, poi, tutte le foto saranno inviate al Papa per protestare contro il silenzio della Chiesa Cattolica su questa vergognosa pagina della storia italiana, che ancora non ha bandito la vivisezione nonostante le richieste e le battaglie degli animalisti e della gente comune.

 

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie