Risparmiare in cucina con poche, semplici mosse

La cucina è uno degli ambienti più dispendiosi a livello energetico di tutta la casa. Gli sprechi in cucina non sono sempre colpa di chi la usa, perché spesso avvengono senza che nemmeno ce ne rendiamo conto.

Esistono, però, dei trucchetti intelligenti e facili da mettere in pratica per risparmiare in cucina. Vediamo come si fa a rendere la cucina più efficiente ed ecologica senza troppi sforzi.

Partiamo da una nozione di base che tutti dovrebbero avere ben in mente quando utilizzano la cucina e gli elettrodomestici. Il 10 per cento circa di tutti i consumi della cucina proviene dalla combinazione dell’utilizzo del frigorifero, del forno e del piano cottura.

In particolare il forno è molto dispendioso a livello energetico, dato che di questo 10 per cento, la metà è dovuta proprio all’uso del forno, anche se acceso saltuariamente. Il resto di questo 10 per cento è suddiviso equamente tra il frigorifero, che per forza di cose è sempre acceso, il piano cottura, anch’esso molto utilizzato, il tostapane ed il microonde.

Ma come si fa a risparmiare gas ed elettricità in cucina? Il primo trucchetto è sfruttare la cosiddetta “cottura a piani”. Un tempo si cucinava così proprio per risparmiare: una sola fiamma provvedeva alla cottura di 2 o 3 pentole impilate una sopra all’altra. Le pentole che possono essere sovrapposte a seconda delle esigenze stanno tornando di moda e possono essere acquistate anche al supermercato con una spesa irrisoria.

La seconda regola è non mettere mai il sale nell’acqua prima che questa arrivi ad ebollizione. Aggiungere il sale nell’acqua per cuocere la pasta o le verdure quando questa è ancora fredda ne rallenta inesorabilmente l’ebollizione facendovi sprecare molto più gas del normale per riscaldarla.

Passiamo ora al forno. Questo va usato con parsimonia, soprattutto perché è molto dispendioso a livello energetico. Se proprio non potete farne a meno, accendetelo solo quando potete cuocervi diversi piatti contemporaneamente, sfruttando i diversi livelli del forno.

Per quanto riguarda il frigorifero, invece, questo non va mai posizionato vicino a fonti di calore come il forno o il piano cottura. Inoltre non dovete mai mettere al suo interno pietanze calde, per evitare lo sbalzo termico. Un ultimo consiglio: togliere la polvere dietro al frigo, ripulendo per bene le spire, favorisce l’espulsione del calore da parte del condensatore, migliorando l’efficienza del frigorifero senza troppi sforzi.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie