Una vita ecosostenibile anche a tavola: le regole base

Imparare a vivere in maniera più ecologica e sostenibile a livello ambientale non è difficile: basta iniziare dalle piccole azioni quotidiane. Sono proprio queste, infatti, le azioni che hanno un maggiore impatto negativo sulla salute del nostro pianeta perché vengono moltiplicate per 365 giorni l’anno, per ogni abitante della Terra.

Qual è la dieta più ecosostenibile?

Per ridurre l’impatto ambientale vostro e della vostra famiglia è fondamentale che siate a conoscenza del fatto che una dieta basata principalmente su uova, carne, pesce, latte e derivati, è di gran lunga più distruttiva di un’alimentazione basata in larga parte su frutta, verdura e cereali, con l’aggiunta settimanale di prodotti di derivazione animale.

Non si tratta di abbandonare del tutto carne, pesce, latte e uova, ma di gestirne l’assunzione settimanale in maniera responsabile. Questo tipo di alimentazione, oltre ad essere più ecosostenibile fa anche bene alla salute. Una ragione in più per cambiare stile di vita a tavola.

Quali sono le regole di base da seguire a tavola per essere più green?

Una volta cambiate le vostre abitudini alimentari (riducendo il consumo di pesce, carne, uova, latte e derivati in favore di frutta, verdura e cereali) non dovrete fare altro che seguire queste regole di buona condotta ecologica.

Comprate prodottibiologici, sia per quanto riguarda la frutta e la verdura, che per quanto riguarda la carne, il latte, le uova e così via.

Un altro passo importante è basare la propria dieta il più possibile sui prodottidi stagione. Se il vostro supermercato di fiducia vi offre abbastanza scelta, optate per prodotti italiani, meglio se a Km 0.

Importare prodotti alimentari dall’estero, oltre a danneggiare la nostra economia, ha un impatto ambientale decisamente maggiore. Inoltre pochi sanno che molti prodotti che l’Italia importa dall’estero non sono garantiti tanto quanto quelli italiani, perché nei Paesi meno sviluppati i controlli sull’uso di pesticidi e di altre sostanze chimiche sono meno rigidi. Per non parlare, poi, del rispetto delle regole sulla sicurezza sul lavoro e sulla equa retribuzione degli operai.

Altre regolette da non dimenticare mai: scegliete prodotti senza imballaggio (o con meno imballaggio possibile), leggete sempre i dettagli sulla provenienza della merce e, se potete, aderite alle iniziative dei cosiddetti GAS (Gruppi di Acquisto Solidale).

L’ultimo consiglio è quello di prendere in seria considerazione la possibilità di creare un piccolo orticello nel giardino o sul balcone, per avere sempre frutta e verdura fresca e genuina.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie