4 green job per combattere la crisi e salvare l’ambiente

Attenzione per l’ambiente ed ecosostenibilità sono le parole chiave dello sviluppo economico. Scopriamo come trasformare la propria professione in un green job.

A dispetto dei numeri scoraggianti relativi alla nostra economia, il settore delle rinnovabili e in generale del business legato all’ecosostenibilità sembra essere in continua evoluzione e crescita.

In Europa impiega 3.4 milioni di lavoratori e anche in Italia si prospetta uno sviluppo interessante. Moltissime sono le figure professionali nate dallo sviluppo del settore ambientale che prevedono una formazione specifica:

  • valutatore di impatto ambientale
  • certificatore energetico
  • mobility manager
  • disaster o emergency manager

Ma l’attenzione all’ambiente si è diffusa in tutti i settori dell’economia, per cui ogni professione può essere ripensata in chiave eco. Ecco allora come reinventarsi professionalmente e creare il proprio green job.

L’eco-avvocato

Moltissime amministrazioni e aziende, multinazionali e non solo, sono costrette a fare i conti con le nuove normative europee sempre più stringenti in materia di ecologia e sostenibilità ambientale.

Da qui la richiesta di figure specializzate per consulenze legali in questi ambiti. Quindi , una volta intrapreso il lungo cammino che porta all’abilitazione come avvocato, specializzatevi per renderlo un green job e approfondite tutto ciò che riguarda diritto ambientale e normative a livello nazionale e europeo.

L’organizzatore di eventi sostenibili

Oggi eco è cool. Un po’ per moda un po’ per vocazione, la richiesta dei clienti è quella di eventi sostenibili a impatto zero.

Quindi se volete riposizionarvi nel settore degli eventi non potete non fare conti con bassi consumi energetici e materiale riciclato.

Proponete eventi innovativi, dalle feste private ai convegni e concerti, green in ogni aspetto:

  • materiale riciclato e bio degradabile
  • buffet a chilometri zero
  • neutralizzazione di CO2
green job

La guida eco-turistica

Il turismo responsabile ormai non è più una novità. Ma sono sempre maggiori le richieste di tour organizzati alla scoperta dell’ambiente.

La conoscenza approfondita del la natura e del territorio è l’elemento base per diventare una guida naturalistica quindi gli studiosi in scienze ambientali, botanica e zoologia possono scoprire una nuova vocazione accompagnando i turisti tra le ricchezze ambientali del nostro territorio.

L’eco-chef

Non si tratta di preparare piatti vegani, l’eco-chef ha il compito di organizzare la cucina con la massima efficienza, scegliendo fornitori a chilometro zero e puntando al risparmio economico ed energetico.

Una cucina a minor impatto ambientale è quello su cui puntano hotel e ristoranti di qualità accompagnando alle stelline e forchette dorate anche quelle verdi!

Per reinventare la propria professione a Firenze in chiave eco si possono frequentare corsi di formazione. Molti sono quelli organizzati su questi temi e spesso è possibile ad accedere a misure per finanziarli: voucher e carta ILA per trasformare la vostra professione in un green job.

teladoiofirenze.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie