Caccia alla volpe in tana,Fermiamoli!

Dal primo aprile comincerà a Siena (città che darebbe già in abbondanza, sul tema animali, con il terribile Palio annuale) la “caccia alla volpe in tana”

“Cuccioli sbranati dai cani, gli adulti presi a fucilate”. Ecco che cos’è la “caccia alla volpe in tana”, “autorizzata a partire dal primo aprile, come ‘attività di controllo’, negli istituti faunistici della Provincia di Siena”.

Contro la caccia “di controllo” in generale e in particolare contro questo metodo “barbaro ed incivile” protesta la Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente (Fiadaa) – alla quale aderiscono tra le altre Enpa, Lav, Lega del cane, Leidaa, Oipa – che invita l’ufficio risorse faunistiche della Provincia di Siena a rivedere la propria posizione.

“I cosiddetti danni prodotti dalla volpe – osservano le associazioni – sono in realtà causati dalla riduzione e dal depauperamento degli habitat naturali, che spingono questo predatore, timido e schivo, ad entrare in contrasto con l’uomo. La risposta non può essere lo sterminio e men che meno lo sterminio realizzato scatenando mute di cani da caccia contro i cuccioli di volpe ancora rintanati”.

Inoltre, “nessun parere ‘scientifico’ può giustificare l’impiego di un sistema tanto crudele – prosegue Fiadaa – chiediamo pertanto alla Provincia di ritirare l’autorizzazione a praticare la caccia alla volpe ‘in tana’ e in generale a rinunciare alla caccia come strumento ‘di controllo’ delle popolazioni di fauna selvatica”.

Clicca qui, invece, per una petizione da firmare

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie