Un Esercito di pedofili italiani a caccia di bambini per il mondo

Malindi, località turistica di mare in Kenia, é ormai una sorta di colonia italiana tanto numerosi sono gli italiani che li’ si sono stabiliti, attratti dalla bellezza del posto e dalla calorosità degli abitanti. Hotel, ristoranti, negozi, bar, discoteche della cittadina sono spesso in mano a italiani, e non di rado anche le insegne dei locali sono nella lingua di Dante. Tra gli italiani, oltre a chi vuole vivere e lavorare in armonia con gli abitanti del posto, si distingue anche un numeroso contingente di pedofili. Edwin Muriithi, giornalista e soprattutto uno dei maggiori tour operator della regione dei safari, ha dedicato ai turisti italiani un articolo con un titolo emblematico: “Gli italiani che violentano i nostri bambini nelle ville e negli hotel di lusso di Malindi”. Muriithi é solo uno dei tanti che denunciano e si interrogano sul devastante fenomeno.

553160_488626044532004_1724930499_n

L’anno scorso, la stampa africana si é varie volte occupata di questi nostri connazionali che dopo aver invaso Thailandia e Cambogia, hanno cominciato ad avvelenare con la loro molesta presenza un certo numero di Paesi dell’Africa, dal Kenia alla Tanzania.

Mombasa e Malindi sono le due città africane preferite dai pedofili italiani. Gruppi di genitori, in entrambe le località si stanno mobilitando per fronteggiare un fenomeno contro il quale le autorità locali non sembrano agire con efficacia.

La povertà spinge molti minorenni ad avvicinare di propria iniziativa ai turisti italiani, per offrire loro sesso in cambio di pochi dollari.

Il fenomeno ha destato tali proteste popolari a Malindi, che il Ministro del turismo keniano Najib Balala si é trovato costretto a dichiarare che il governo non avrebbe cacciato gli italiani dal Paese poiché essi danno un importantissimo contributo non solo all’economia della zona, ma anche a progetti di rilievo sociale, come la costruzione di scuole.

fonte: pagina facebook Meno Sdegno_ Più Impegno

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie