Economia ambientale: la sostenibiltà del mare mediterranero

Crescita economica, valore dell’ambiente, equilibrio sociale sono le risorse su cui fondare il benessere degli individui e lo sviluppo della collettività. La sostenibilità nell’area del Mediterraneo sarà  il tema della conferenza internazionale First Siena Solutions Conference: Sustainable Development Solutions for the Mediterranean Region che si terrà all’Università di Siena, presso la Certosa di Pontignano, dal 3 al 5 luglio.

La sostenibilità della regione del Mediterraneo rappresenta insieme una sfida ed un’opportunità. Il bacino separa ma allo stesso tempo unisce paesi di natura e culture diverse. La ricchezza di questa regione risiede proprio in questa biodiversità, nelle diversità culturali e nelle tradizioni e conoscenze locali spesso ben preservate nonostante un lento processo di uniformità promosso dalla globalizzazione. Sono proprio queste le caratteristiche sulle quali tentare di costruire un percorso comune di sostenibilità. La Conferenza organizzata dall’Università di Siena il prossimo 3-5 luglio sarà un’occasione cruciale per analizzare le sfide per la sostenibilità nella regione del Mediterraneo e per identificare un primo set di potenziali soluzioni capaci di rispondere in modo pratico ed efficace a queste sfide”.

Presentare soluzioni pratiche ed efficaci a favore della sostenibilità è l’obiettivo che si  pone la conferenza in programma a Siena. Verranno infatti presentate 6 proposte di “soluzioni” immediatamente realizzabili al servizio della sostenibilità, selezionate tra quelle raccolte nei mesi scorsi attraverso la comunità scientifica internazionale e scelte dal board nominato dal Network dell’Onu.

La conferenza riunirà, provenienti dai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, esperti internazionali di alto livello, rappresentanti del mondo politico, manager, leader della società civile, accademici e studenti di importanti enti e istituzioni della ricerca che individueranno le sfide del futuro in tema di sostenibilità.

Alla presentazione dell’evento è intervenuto anche Vittorio Galgani, vicepresidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, che collabora all’organizzazione dell’evento. “Riteniamo che le Fondazioni bancarie come la nostra possano divenire un centro di elaborazione di progetti coerenti di sviluppo, non in maniera competitiva ed esclusiva rispetto alle istituzioni pubbliche e agli altri soggetti privati, ma al contrario come elemento pro-attivo di cooperazione su larga scala – ha detto Galgani -. E’ proprio nell’ambito di queste rinnovata visione dei compiti a cui ispirarsi, che nasce la collaborazione della Fondazione Mps con l’Università di Siena per il convegno internazionale di Pontignano. Una collaborazione che vede direttamente impegnati, sia nella realizzazione del progetto che nell’organizzazione dell’evento, project manager della nostra struttura”.

I lavori, presieduti dal Rettore dell’Università di Siena, Angelo Riccaboni e da Jeffrey Sachs, nei primi due giorni, il 3 e 4 di luglio, saranno riservati al confronto scientifico e vedranno la partecipazione del ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Maria Chiara Carrozza.

Lo sviluppo sostenibile del mare Mediterraneo, il cambiamento climatico, le risorse energetiche e le energie rinnovabili, la crescita compatibile con il rispetto del territorio e della popolazione, le occasioni di sviluppo offerte dall’economia sostenibile, la responsabilità sociale delle imprese, i temi della salute nei paesi emergenti saranno alcuni dei temi che verranno affrontati in un’ottica di applicabilità pratica delle soluzioni.

E proprio alla presentazione delle soluzioni sarà dedicata la giornata conclusiva del 5 luglio, aperta alla partecipazione di tutti gli interessati.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie