Maldive,l’atollo dell’immondizia

Siamo abituati a pensare Maldive come ad un paradiso terrestre. Sembrerebbe impossibile che proprio queste meraviglie della natura possano essere le protagoniste di uno scandalo ambientale ma, purtroppo, sembra proprio così.

L’ isola di Thilafushi, è famosa per i rifiuti: è una vera e propria discarica a cielo aperto, tanto che è chiamata “atollo dell’immondizia”.

Nel 1991 il governo delle Maldive ha varato il progetto per la creazione di un atollo artificiale che è ora diventato una delle isole di rifiuti più grandi del mondo e che rischia di intaccare la bellezza incontaminata di uno straordinario e fragilissimo ecosistema. Il documentario di Roberto Carini e Giulio Pedretti, presentato sabato 1° giugno a Cinemambiente fa parte di B-Side, una piattaforma tesa a creare una mappa audiovisiva  del lato nascosto e deteriorato dei paradisi naturali del pianeta.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie