sviluppo dell’energia verde, attraverso ”Sardegna CO2.0”

Ugo Cappellacci presidente della Regione Sardegna, punta alla  riduzione delle emissioni di gas incrementando l’utilizzo di energie rinnovabili e migliorando il risparmio energetico per arrivare a conseguire gli obiettivi della strategia ”Europa 20-20-20”.Il progetto coordinato dalla Direzione Generale della Presidenza della Regione Sardegna, tramite il Servizio per il coordinamento delle politiche in materia di riduzione di CO2 – Green Economy, coinvolge oltre la metà delle amministrazioni locali della Sardegna, ed è stato rilanciato nel corso del workshop: ”Smart City, comuni in classe A, crescita sostenibile, efficienza energetica e fonti rinnovabili”, tenutosi al T Hotel di Cagliari.

”Smart City è uno dei simboli di una Sardegna che ha deciso di compiere scelte coraggiose, innovative e di rottura con il passato – ha sottolineato oggi a margine del convegno il presidente Cappellacci – la nostra isola non è più destinataria di soluzioni calate dall’alto, ma anticipa i tempi e si propone come modello da seguire in campo nazionale ed internazionale. Con il rifiuto del nucleare i sardi hanno detto che vogliono scegliere e autodeterminare il proprio futuro. A questa volontà corrisponde sicuramente la firma nel 2011 del Patto dei Sindaci con l’Unione Europea”. ”La Regione Sardegna – ha concluso – ha deciso di dare avvio al Programma Sardegna CO2.0 e si è impegnata per avviare un insieme di iniziative innovative in materia di sviluppo sostenibile, risparmio energetico e produzione di energie alternative che potessero dar vita ad un nuovo modello di sviluppo fondato sulla Green Economy”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie