Viaggio Green: le città “Zaino in Spalla”

Un berretto per proteggersi dal sole, una borraccia piena d’acqua fresca, una vecchia cartina, zaino in spalla e si è pronti a partire per un viaggio green. Muoversi a piedi per le vie delle città d’arte italiane è innanzitutto una esperienza di estrema libertà, una soluzione per vivere in tutto e per tutto “a modo proprio” la vacanza, seguendo i propri ritmi e dedicando il giusto tempo alle cose che ci attraggono di più.

Tra l’altro, proprio in Italia esistono diverse città bellissime che è possibile visitare tranquillamente a piedi, senza bisogno di far ricorso a mezzi di trasporto propri ne a quelli pubblici. Sono quelle città d’arte in cui il centro storico è raccolto intorno ad un fazzoletto di terra limitato.

Alcuni esempi? Venezia e Firenze. La città della laguna quasi ci costringe a lasciare a casa auto e motorini, e si lascia scoprire solo da chi ha davvero voglia di tuffarsi in questa straordinaria esperienza di storia, cultura ed arte. Basta scegliere tra gli hotel della città quello più vicino alla stazione Santa Lucia, prenotandolo anche online in base alle proprie esigenze e alle proprie finanze; da qui ci si può spostare tranquillamente a piedi e provare l’esperienza di perdersi tra le calle e le fondamenta veneziane.

Ancora oggi rivive nei suoi luoghi simbolo della città, come il Canal Grande che si estende per circa 4 km di lunghezza, e caratterizzati dai suoi 354 ponti storici, tra cui quello dei Sospiri o quello della Costituzione, Piazza San Marco, il Palazzo Ducale ed il Museo Peggy Guggenheim. Anche Firenze è un tipico esempio di località d’arte che è possibile visitare a piedi. Magari si può scegliere di arrivare in città in treno nella centralissima stazione di Santa Maria Novella da cui poi si raggiunge in pochi minuti il Duomo, con la sua straordinaria cupola del Brunelleschi che domina il vicino campanile di Giotto e le forme ottagonali del Battistero.Dal Duomo, con una passeggiata ci si sposta verso Palazzo Vecchio, sede della municipalità fiorentina, e di qui alla Galleria degli Uffizi prima ed al Ponte Vecchio dopo, dove rilassarsi e lasciarsi trasportare via dal suono dell’Arno che scorre lento.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie