L’anguria,un viagra naturale

L’Anguria, regina dell’estate,è un antiossidante perfetto, oltre a contenere tantissima acqua (quasi il 90%) necessaria per la nostra idratazione corporea. Ricca di fruttosio naturale, vitamina A, vitamina C e potassio, è un frutto che viene spesso impiegato nelle diete grazie al suo basso contenuto calorico ma può risultare anche un viagra naturale. Infatti le sue fibre contengono una sostanza, denominata citrullina, che è alla base di una serie di reazioni che promuovono la dilatazione dei vasi sanguigni. Riproducendo quindi lo stesso meccanismo della pillola blu. Per la cronaca bastano sei porzioni nutrizionali di anguria, cioè un quarto del frutto, per avere risposte positive da parte dell’organismo, senza avere gli effetti collaterali dei farmaci. Secondo alcuni esperti americani chi consuma adeguate porzioni di cocomero assume le quantità di citrullina, che interviene positivamente sul cuore e sul sistema circolatorio e immunitario.

Questa sostanza è un amminoacido sintetizzabile dall’organismo umano che anche per effetto di enzimi si trasforma in arginina  I ricercatori della Texas A&M University guidati dal professor Bhimu Patil ha scoperto che l’arginina fa aumentare l’ossido di azoto. Questo spinge l’organismo a rilassare i capillari sanguigni che intervengono sulla disfunzione erettile. Non è neppure escluso che una cura a base di questa sostanza potrebbero prevenire questi problemi così come ridurre le angine o tenere sotto controllo i livelli di ipertensione. Ma l’anguria possiede anche altre proprietà terapeutiche. Innanzitutto è stato confermato l’effetto dimagrante dovuto a una basso contenuto in calorie particolarmente, accompagnato dall’alta quantità di sali minerali e vitamine C e A, nota quest’ultima per le sue capacità abbronzanti, di difesa dell’organismo dai raggi solari e per la produzione nell’epidermide del pigmento melanina che dona la classica tintarella alla pelle.

Secondo altri studi la citrulina, attraverso una sola fetta di anguria al giorno, aiuta il nostro organismo a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Può inoltre contribuire a migliorare la qualità del sonno. Mangiarne un po’ dopo cena può stimolare nell’organismo la produzione di serotonina, per via del suo contenuto di carboidrati. Quando, nelle ore serali, i livelli di serotonina salgono, il cervello è meno sensibile ai segnali di disturbo, come i rumori, favorendo sonni tranquilli. Più in generale il cocomero è costituito dal 95 per cento d’acqua e ha una presenza di zuccheri che va dal 3,7 per cento al 6,4 per cento (nella mela 11-15 per cento, nella pera 9,5-15,5 per cento). Contiene anche sodio, fosforo, potassio, tutti elementi importante in estate per combattere la disidratazione e per ricostruire la flora batterica.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie