stanchezza d’estate,ecco come sconfiggerla

Il nostro corpo possiede un linguaggio che spesso non ci è familiare, l’educazione non ci ha insegnato ad ascoltarlo, ad avere un’intima comprensione dei messaggi  che ci invia.

Quando va tutto bene, il corpo è in uno stato di equilibrio e salute naturali, allora ci si sente forti, vivaci, brillanti.

Durante l’estate, il nostro organismo avrebbe anche esigenza di ricaricarsi attraverso il riposo.Le cellule del cervello sono particolarmente vulnerabili ai danni ossidativi dovuti ai radicali liberi. Alcune sostanze antiossidanti sono importanti per la prevenzione dell’invecchiamento cerebrale, e molte sono abbondantemente presenti proprio nei cibi estivi.

Se in questo momento hai bisogno di ricaricarti e dare sprint alla memoria fai  scorta di:

– la vitamina C, che trovi in peperoni, kiwi, agrumi, rucola, pomodori;

– il gruppo delle vitamine B, in particolare la B1, presente nei legumi e nei cereali integrali, e la B12 che si trova nel lievito di birra;

– la vitamina E, presente in tutte le verdure a foglia verde e in legumi, patate dolci, papaya, cavolo, nocciole;

– i polifenoli, che sono contenuti prevalentemente nelle mele, nelle pere, nell’uva, negli agrumi, nel tè verde e nel curry.

Kiwi a colazione o nello spuntino

Rinfrescante e dissetante, il kiwi va consumato subito dopo essere stato sbucciato per non far svanire le proprietà antiossidanti.

L’insalata che aiuta il cervello

Per tutto il mese sostituisci un pasto con un’insalata a base di rucola, pomodori, kiwi, mele, acini d’uva e un’arancia a fettine, arricchita con del tofu a dadini e un cucchiaio di lievito in scaglie, che ti consente di non esagerare con il pane e nutre i neuroni. Condisci con olio extravergine d’oliva.

Vitamina B12 super ricostituente

Per una cura ricostituente, con benefici che si estenderanno anche dopo il rientro dalle vacanze, è utile un’integrazione di vitamina B12 in capsule (si trova spesso associata ad altre vitamine e a sostanze ricostituenti): è un autentico elisir naturale per il sistema nervoso. Puoi assumerne una dose la mattina a colazione per tutto agosto. Se prendi la vitamina B12, puoi evitare di assumere contemporaneamente oligoelementi e ginseng.

Il guaranà ti rimette in pista

Un eccellente tonico, se arrivi alle ferie con le pile scariche, è il guaranà: questa liana dell’Amazzonia combatte la fatica ed è antidepressiva. Le sue proprietà sono dovute al contenuto di guaranina, sostanza simile alla caffeina, che migliora la resistenza psicofisica. Prendi 30 gocce di tintura madre di guaranà diluite in acqua, una o due volte al dì, lontano dai pasti. Il guaranà non deve essere associato al ginseng.

Per combattere la stanchezza

Oltre a integrare l’alimentazione con i cibi antiossidanti, a seconda del tuo grado di stanchezza, prendi gli integratori e le vitamine che tonificano il sistema nervoso.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie