Perché le farfalle stanno scomparendo?

Le farfalle di prateria sono un utile indicatore di biodiversità e dello stato di salute degli ecosistemi, per cui la diminuzione del 50% registrata in Europa negli ultimi 20 anni è un fatto preoccupante. A lanciare l’allarme è il rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA).

Il diffondersi dell’agricoltura intensiva dove la terra è relativamente piatta e facile da coltivare da un lato, e le ampie zone di pascoli abbandonate in regioni montane e umide, soprattutto nell’Europa meridionale e orientale, sono le due principali cause della progressiva scomparse delle farfalle. Infatti, l’intensificazione agricola porta a praterie quasi sterili dal punto di vista della biodiversità ed inoltre le farfalle sono molto sensibili ai pesticidi, spesso utilizzati nei sistemi intensivi. L’abbandono di terreni agricoli invece porta alla crescita incontrollata di boscaglia.

La relazione si basa sull’ “European Grassland Butterfly Indicator”, elaborato Butterfly Conservation Europe con altri enti europei, utilizzando i dati 1990-2011. L’indicatore riunisce informazioni provenienti da sistemi nazionali di monitoraggio basati su una capillare rete di professionisti e volontari addestrati. Purtroppo a questa indagine, che raccoglie i dati di  19 paesi europei, l’Italia non ha partecipato.

Il declino delle farfalle deve suonare come campanello d’allarme per la riduzione degli habitat di prateria in Europa – ha dichiaratoHans Bruyninckx, il neo Direttore esecutivo dell’AEA che ha sostituito recentemente Jacqueline Mc Glade -Se non riusciamo a mantenere questi habitat naturali potremmo perdere molte di queste specie per sempre. Dobbiamo riconoscere l’importanza delle farfalle e degli altri insetti, in particolare per l’impollinazione che è  fondamentale sia per gli ecosistemi naturali sia per l’agricoltura”.

i dati riguardano gli anni 1990-2011, ma il report sottolinea che in molte zone d’Europa i cambiamenti d’uso del suolo sono iniziati prima del 1990, per cui il dimezzamento delle farfalle potrebbe essere la recente conseguenza di un declino più a lungo termine. La strategia dell’UE per la biodiversità riconosce il cattivo stato di conservazione delle praterie che invece dovrebbero essere tutelate sia all’interno delle aree protette di Natura 2000 che nei terreni agricoli ad High Nature Value; il report suggerisce che un nuovo sistema di finanziamento della politica agricola dell’UE potrebbe contribuire a sostenere una migliore gestione dei terreni e che la farfalla di prateria potrebbe essere presa come misura del successo delle politiche agricole.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie