Regione Puglia,primo impianto di condizionamento a energia geotermica

Bari-L’assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia si è dodato di un  sistema innovativo: un impianto di condizionamento a energia geotermica.

Il sistema è stato reso possibile grazie a un progetto da 10 milioni di euro finanziato da fondi europei che punta all’efficientamento energetico di buona parte del patrimonio immobiliare regionale, per risparmiare energia elettrica, gasolio e ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera.

L’impianto presentato stamani dal presidente della Regione Puglia  Niki Vendola assieme all’assessore alle Risorse agroalimentari Fabrizio Nardoni è a pompa di calore, ad altissima efficienza, e sfrutta delle sonde in polietilene infisse nel sottosuolo del cortile come scambiatori di calore tra il terreno e la falda sottostante, immagazzinando e rilasciando calore a seconda della stagione.

L’inquinamento è nullo e il nuovo impianto permetterà di risparmiare il 70% rispetto al vecchio sistema ( tra 20 e i 50mila euro l’anno). A piano completato negli edifici regionali, si potrà risparmiare il 60% complessivamente e ridurre del 70% le emissioni di CO2 (tra le 30 e le 80 tonnellate).

L’energia geotermica in Italia

Si può affermare che l’Italia è un paese all’avanguardia nella ricerca di soluzioni per produrre l’energia geotermica. Leprime centrali geotermiche alimentate dal calore della terra sono state costruite proprio nel nostro paese: in Toscana, nella Valle del Diavolo, nel 1912 fu costruita la prima centrale geotermica del mondo. Ancora qui e sul Monte Amiata sono concentrati tutti gli impianti italiani.

Oggi le centrali sono 32 con una potenza nominale installata di 810 MW , quanto una centrale nucleare, con una produzione di energia elettrica di 5 miliardi di chilovattore all’anno: ossia il 10% della produzione geotermica mondiale e il 25% del fabbisogno elettrico della Toscana.

Nonostante l’Italia vanti diversi primati in questo campo, altri paesi utilizzano in maniera più massiccia ed efficiente questa fonte di energia.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie