Sharklife,proteggiamo gli squali nel Mediterraneo

Una mostra allestita nel Parco Nazionale del Circeo mette in luce la sproporzionata violenza e molte credenze errate sui grandi pesci a rischio estinzione.

Nel mondo muoiono meno di cinque persone ogni anno per attacchi di squali mentre sono 100 milioni i predatori marini che ogni anno si stima siano uccisi dall’uomo. Per far conoscere questi animali e far capire le cause che ne minacciano la sopravvivenza, è stata realizzata una piccola mostra itinerante denominata “Sharklife: proteggiamo gli squali nel Mediterraneo”. L’esposizione spiega che gli squali sono visti come gli animali più feroci e pericolosi ma in realtà solo negli Stati Uniti circa 40 persone l’anno perdono la vita a causa di una puntura di vespa. Le vittime salgono a 3.000 se si parla di ippopotami e di elefanti e addirittura a 655.000 nel caso di zanzare che ancora uccidono attraverso la malaria.

La mostra, realizzata nell’ambito delle azioni di sensibilizzazione previste dal progetto “LIFE+ Sharklife” finanziato dalla Commissione Europea e dal Ministero dell’Ambiente, sarà esposta in vari acquari e musei naturalistici italiani. Fino al 1 settembre la mostra sarà al Parco Nazionale del Circeo presso il Museo del Centro Visitatori di Sabaudia (apertura dalle ore 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 17, tutti i giorni).

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie