Aviaria:Coldiretti,evitare psicosi ingiustificate

La Coldiretti  in riferimento agli ultimi sviluppi dell’influenza aviaria sottolinea l’importanza di evitare psicosi ingiustificate che danneggerebbero produttori e consumatori,( calo dei consumi alimentari del 4%,mentre l’unica voce ad essere in aumento è la spesa per le uova e per la carne di pollo naturale (+6 per cento),assicurando anche a chi è in difficoltà economiche il necessario apporto proteico a prezzi piu’ contenuti.

Le rassicurazioni del Ministero della Salute sulla assoluta assenza di rischi dal consumo di carne e uova è un segnale importante in un situazione in cui il consumo di prodotti avicoli ha raggiunto oltre 19 chili per persona all’anno, spinti dal difficile momento di crisi. Nel settore – sottolinea la Coldiretti – trovano peraltro possibilità di lavoro circa centomila  persone tra dipendenti diretti e indotto. Si tratta di difendere uno dei pochi comparti in cui l’Italia è praticamente autosufficiente che produce 1,3 milioni di tonnellate di carni avicole e oltre 12 miliardi di uova con fatturato di settore pari a 5,7 miliardi di euro (dati 2012). A preoccupare gli allevatori infatti – conclude la Coldiretti – sono soprattutto i danni economici che rischiano di far chiudere le aziende e per questo serve intervenire urgentemente con misure eccezionali  di sostegno al settore che ha già subito perdite per alcune decine di milioni di euro.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie