Festival Vegetariano 2013,il popolo Veg è qui:in 40mila a Gorizia

Gorizia, 2 settembre 2013. Si è chiuso ieri sera a Gorizia, con l’ultima di tre intense giornate, la IV edizione del Festival Vegetariano, manifestazione che è divenuta il principale punto di riferimento a livello nazionale per il sempre più numeroso popolo di vegetariani in Italia (secondo Eurispes, il 6% della popolazione): l’hanno raggiunta, visitata e amata in 40.000. Un record di presenze che Massimo Santinelli, direttore della kermesse – organizzata da Eventgreen, promossa da Biolab e patrocinata dal Ministero dell’Ambiente -, commenta così: “Quest’anno il Festival ha davvero raggiunto la maturità: abbiamo potuto vedere tantissima curiosità, grande partecipazione, sale sempre piene e un clima di grande serenità”.

La ricetta del Festival, che ha registrato un crescendo anno dopo anno (poche migliaia di visitatori il primo anno, 10 mila alla seconda edizione, 25 mila alla terza), faceva d’altronde presagire tanto successo: anzitutto la volontà di parlare a tutti, soprattutto a chi vegetariano non lo è ancora ma si sta ponendo il problema di quello che mangia, seguito da un nutrito programma culturale, fatto sì di nomi di richiamo nazionale ma soprattutto di concetti e testimonianze importanti da diffondere (quest’anno si sono battute le piste di salute e benessere, produzione green e rispetto per gli altri esseri umani e antispecismo), interattività (showcooking, workshop, ecc.), ottima cucina vegetariana (altro che insalatina! Al ristorante veg hanno sfilato spezzatini di seitan con verdura, straccetti di soia, il friulano frico preparato con formaggio con caglio vegetale e folla-light-(2)molte altre leccornie).

Al Festival sono passati quest’anno vegetariani – e non – illustri: da Jacopo Fo, che venerdì 30 agosto sera ha riempito il Padiglione Cultura (500 posti a sedere) con il suo “I calzini sul comò – ti amo, ma non li trovo”, con cui l’attore ha voluto parlare del rispetto e della comprensione della diversità (anche i vegetariani oggi sono per molti “diversi”, bisogna conoscerli per capirli), a Mario Tozzi, che ha spiegato l’impatto ambientale dell’essere carnivori (l’effetto serra è incrementato più dagli allevamenti intensivi che non dalle auto), fino a Don Pasta, dj ed economista salentino che ha mescolato buona cucina, musica dal vivo, racconto popolare e immagini sollecitando sensi e pensiero. E poi lo chef stellato veg Simone Salvini, secondo il quale “la vera cucina è la cucina vegetariana, perché i sapori e i colori dei cereali, legumi, ortaggi e frutta di stagione hanno una capacità di coinvolgere e appagare i sensi senza eguali”.

E poi tanti gli esperti: tra questi Marco Mamone Capria, presidente della Fondazione Hans Ruesch per una medicina senza vivisezione, la psicologa Anna Maria Manzoni, il veterinario omeopata dell’isola – carcere di Gorgona Marco Verdone, e poi nutrizionisti, agronomi, economisti, esperti di marketing (disertori) come Marco Geronimi Stoll, scrittori e giornalisti.

Il Festival si è concluso con lo spassoso spettacolo di Diego Parassole “I consumisti mangiano i bambini” e con l’arrivo nel tendone cultura di Paolo Susana e la meticcia Smilla a bordo del sidecar Ronzinante, per la conclusione del progetto Sidecar Smilla, il tour in venti tappe iniziato a fine luglio per incontrare e raccontare l’Italia dei canili e dei rifugi per animali abbandonati al fine di sensibilizzare sui temi dell’abbandono e del randagismo e per raccontare situazioni di emergenza ma anche piccole eccellenze.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie