Giornata nazionale SLA,”Operazione sollievo” in 120 piazze italiane,un contributo versato con Gusto

Domani domenica 29 settembre, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica celebra la sesta Giornata nazionale sulla Sla, per ricordare il sit-in dei malati a Roma del 18 settembre 2006 in cui vennero avanzate al Ministero della Salute precise richieste per la difesa della cura e dell’assistenza ai malati.

Il 29 settembre AISLA sarà presente in 120 piazze italiane per promuovere la campagna di raccolta fondi “Un contributo versato con gusto”: a fronte di una piccola offerta si porta a casa una bottiglia di vino Barbera d’Asti DOCG. I fondi raccolti saranno utilizzati da AISLA per finanziare il progetto “Operazione Sollievo”, che vuole alleviare le sofferenze dei malati di Sla tramite sostegno economico, supporto per la gestione del malato tra le mura domestiche e fornitura di strumenti utili a migliorare la qualità della vita.250x

 Da una ricerca Nielsen del 2012 emerge come per un malato l’assistenza sia considerata la priorità di intervento di cui la comunità deve farsi carico (77%). Seguono la ricerca scientifica (66%), le cure (61%) e le politiche di sostegno (42%). AISLA dal 1983 al 2012 ha destinato complessivamente una cifra superiore ai 5 milioni di euro in progetti destinati a migliorare la vita delle persone affette da Sla e dei loro familiari e 1,2 milioni in investimenti per l’assistenza. Domenica 29 i volontari saranno a disposizione per fornire informazione sulla malattia e sulle attività dell’associazione. Parte inoltre la campagna di reclutamento volontari AISLA per i quali saranno programmati corsi di formazione specifici. Per informazioni scrivere a volontari@aisla.it o chiamare lo 02.43986673.

 Fino al 6 ottobre è inoltre possibile sostenere AISLA inviando un sms di 2 euro al 45502 da tutti i cellulari Tim, Vodafone,Wind, Tre, Poste Mobile, CoopVoce e Noverca, di 2 euro chiamando da rete fissa TWT e di 2 o 5 euro chiamando da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb. I fondi raccolti andranno a sostenere un progetto di ricerca finalizzato a testare gli effetti della molecola “morfolino” su modelli animali affetti da Sla, condotto dal Dipartimento di Fisiopatologia Medico Chirurgica e dei Trapianti, Università degli Studi di Milano.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie