Refolo,il progetto pilota che trasforma i rifiuti in energia abbassando la Tares del 50%

Il Comune di Roccaraso in provincia de L’Aquila,sperimenterà per primo in italia,l‘impianto a basso impatto ambientale  basato sull’impiego di energia meccanica per polverizzare, attraverso una macchina chiamata mulino, il rifiuto precedentemente triturato e selezionato.

L’azione, che in termini tecnici si definisce di micronizzazione, distrugge la flora batterica eliminando odori e fermentazione), e rende il prodotto sterile, disidratato e esente da cloro, solfati e inerti. Il materiale che ne esce, se non è riciclato nelle filiere dei consorzi come materia prima, diventa Css, ovvero combustibile per generare energia termica da utilizzare poi in impianti di valorizzazione energetica, centrali elettriche policombustibili e centrali di gassificazione.

Il processo riduce il rifiuto in termini di volume (circa il 70%) e di peso (circa il 50%), aumenta il calore di combustione fino all’80% e recupera dai rifiuti indifferenziati un’alta percentuale di materiali riciclabili avviati in impianti di valorizzazione (metalli ferrosi e non ferrosi, inerti, plastiche e vetro) e materiali per comparti edili.

“Siamo orgogliosi – afferma il sindaco Francesco Di Donato – di ospitare questo impianto tecnologicamente avanzato. L’impatto ambientale è pari allo zero, mentre i benefici economici sono evidenti. In quasi un anno di sperimentazione, abbiamo verificato come i costi di gestione e di lavorazione siano estremamente convenienti se comparati a quelli attualmente affrontati dal nostro Comune per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati.Palla-di-rifiuti1

“Secondo quanto valutato dagli esperti, un impianto di meccano-raffinazione di taglia medio-piccola da 20 tonnellate di rifiuti al giorno costa circa 66 euro per tonnellata, molto meno della metà rispetto a quanti ne richiederebbero discariche e inceneritori. Risparmiare – aggiunge il sindaco di Roccaraso – è un bene per il Comune, ma anche per i cittadini che, in tal modo, potranno avere una Tares scontata in un range che va dal 20% al 50%”.

“Sperimentare le nuove tecnologie – commenta il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi – è fondamentale, soprattutto quando viene garantito il pieno rispetto dell’ambiente. L’innovazione applicata a un settore delicato come quello dello smaltimento dei rifiuti porterà a una vera e propria rivoluzione culturale e a un consistente abbassamento dei costi di gestione. Sono contento che, in tal senso, l’Abruzzo, Regione da sempre attenta alle novità e al rispetto della natura, si distingua ancora una volta”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie