Troppa Medicina fa male, ci vendono malattie per farci sognare la salute

“Troppa medicina” è il titolo del dossier che trovate sul numero di ottobre di TerraNuova. Test inutili, eccesso di diagnosi, trattamenti non necessari e spesso dannosi: ci vendono malattie per farci sognare la salute. Ecco quando dire basta.

Se la si smetterà con test e trattamenti non necessari e con diagnosi inutili, allora si potrà evitare di fare danni e garantire un futuro di salute più sostenibile per tutti, hanno spiegato il direttore del British Medical Journal, Fiona Godlee, e il professor Ray Moynihan dell’australiana Bond University. Il Bmj ha lanciato una campagna di sensibilizzazione nei confronti di medici e utenti affinchè si smetta l’attuale politica esasperata del “più esami si fanno, più vite si salvano”, affermazione che peraltro comincia a non corrispondere affatto alla realtà. Il dossier di TerraNuova fa una panoramica sugli esami che gli stessi studi scientifici hanno definito “inutili, eccessivi e a volte anche dannosi”; spiega come funziona il cosiddetto “disease mongering”, il meccanismo secondo cui con campagne e azioni mirate si estende il concetto di malattia e si inducono le persone a ritenersi malate anche quando in realtà non lo sono. E ancora il dossier spiega come sono state ampliate le definizioni e innalzate le soglie relative alle varie patologie in modo da farci rientrare migliaia, milioni di persone in più creando di fatto un mercato ancora maggiore per i farmaci.

Intanto a giorni sarà presentato anche il libro “La mangiatoia. Perchè la sanità è diventata il più grande affare d’Italia”, scritto dai giornalisti di Repubblica Michele Bocci e Fabio Tonacci, che toccherà alcuni dei temi toccati anche dal dossier di TerraNuova: appunto l’eccesso di prescrizione di farmaci, visite ed esami, i medici schedati dalle aziende del farmaco, i legami tra la politica e la gestione delle aziende sanitarie, il business intorno alla nascita.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie