Eco-riciclo navi,ok dall’Ue

Via libera dal parlamento Europeo alle nuove regole per il riutilizzo delle vecchie navi.

Carlo Schlyter, il relatore svedese dei Verdi ha dichiarato che molto spesso le vecchie navi Ue vengono smantellate,dopo aver cambiato bandiera,nel Sud Asiatico creando danni all’ambiente alla salute.Il testo,concordato con gli Stati membri, prevede che le navi europee vengano smantellate, con il loro carico di veleni, come amianto, PCB, mercurio e altre sostanze chimiche nocive, solo in strutture ”certificate”, incluse in una lista Ue.

Non è un attacco contro India, Pakistan e Bangladesh,Paesi che attuano lo smantellamento sulle spiagge,precisa-Carlo Schlyter-ma contro le pratiche pericolose e altamente inquinanti in sé di questo tipo di smantellamento.Il regolamento incentiva questi Paesi a fare i necessari investimenti in strutture di riciclo adeguate, per un lavoro sicuro e attento all’ambiente nei loro Paesi.

Non solo le navi Ue, anche le imbarcazioni extra Ue sono incluse nel regolamento, perchè quando attraccheranno in un porto europeo dovranno fornire l’inventario dei materiali pericolosi contenuti. Il regolamento dovrebbe entrare in vigore (speriamo)all’inizio del 2014 e la sua applicazione alle navi è prevista al massimo cinque anni dopo, l’anno successivo per le strutture di riciclo. A determinare le sanzioni i singoli Stati membri dell’Ue. Non ce l’ha fatta a passare invece la proposta di una ‘tassa’ da applicare ad ogni nave che entra in un porto Ue, che alimenti un fondo per la eco-rottamazione: sarà la Commissione europea a valutare se elaborare entro il 2015 la proposta di un meccanismo di incentivo dello smantellamento verde.

 

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie