Banksy:”Addio New York”

Banksy dice addio a New York. Dopo la polemica con il sindaco Bloomberg, l’artista annuncia il suo ritiro dalla Grande Mela. Lo fa attraverso il suo sito, dove ringrazia i fan per il loro sostegno ed espone le sue ultime opere. Banksy è un’artista . Oltre che a New York, i suoi graffiti si sono osservare anche in altri paesi come Cisgiordania, Francia e anche a Napoli. Da sempre la sua arte ha trovato simpatizzati o contrari.

Fra i contrari c’è senz’altro il primo cittadino newyorkese Micheal Bloomberg, che la scorsa settimana aveva detto che ciò che fa Banksy non è arte. Il genere dei suoi schizzi è quello socio-politico e satirico. Di Banksy si conoscono poche informazioni come l’età (31 anni) o la sua provenienza, ma nessuno è mai riuscito a vedere la sua faccia.

La motivazione che ha spinto l’artista a lasciare New York è legata alla vendita di 5 Pointz, uno spazio dedicato alla street-art nel quartiere newyorkese Queens. 5Pointz è di proprietà di Jerry Wolkoff e la compagnia Crane Street Studios. All’inizio di quest’anno la decisione di vendere lo stabile per la costruzione di grattacieli. Così Banksy ha scelto di lasciare New York. Tramite una lettera sul suo sito, ha chiesto ai suoi sostenitori di difendere 5pointz e ha lasciato una maglia con un cuore incerottato che può essere scaricata. Si conclude così l’esperienza di Banksy a New York che – nel bene o nel male- rimane unica.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie