Musica in gravidanza un dialogo tra mamma e figlio

Un inizio di dialogo e viaggio immaginario tra mamma e figlio,può arrivare attraverso l’ascolto di una ninna nanna o attraverso una dolce musica .

Un team di ricercatori dell’Università di Helsinki,ha riscontrato che le melodie ascoltate durante la gravidanza e specilamente nell’ultimo trimestre sono riconosciute dal feto ormai divenuto bambino anche mesi dopo la nascita.

Lo studio, pubblicato su Plos One, si è basato su un esperimento a cui hanno partecipato 24 donne incinte dal 7 mese in poi. La metà di esse ha fatto ascoltare al proprio bambino un cd con tre melodie rilassanti, fra cui la ninna nanna “Twinkle Twinkle little star”, alternando l’ascolto con brevi frasi indirizzate al feto, il tutto per cinque giorni alla settimana. Per verificare che l’ascolto avesse o meno lasciato un ricordo sui bambini dopo la nascita, i ricercatori hanno utilizzato la tecnica denominata Brain’s Event-related-potentials (ERPs), grazie alla quale hanno potuto misurare la reazione cerebrale intesa come risposta elettrofisiologica a un determinato stimolo.musica-in-gravidanza

Dal confronto delle reazioni dei neonati che avevano ascoltato le melodie con quelle degli altri bambini che non avevano ascoltato il cd, i ricercatori sono giunti alla conclusione che le reazioni elettrofisiologiche dei primi erano molto diverse rispetto a quelle del gruppo di controllo. I bambini del primo gruppo mostravano infatti l’atteggiamento di chi ricorda qualcosa, con un’ampiezza delle reazioni cerebrali proporzionale al tipo di esposizione avuta nell’utero. Nei bimbi che avevano ascoltato con maggior frequenza la ninna nanna le reazioni erano più evidenti.

La coordinatrice dello studio, la dott.ssa Minna Huotilainen, spiega: “si tratta del primo studio che documenta per quanto tempo i ricordi fetali restino nel cervello. I risultati sono significativi, poiché lo studio delle reazioni del cervello ci permette di analizzare le basi della memoria fetale. I primordiali meccanismi mnemonici che, ad oggi, non conosciamo”.

Una interessante intervista alla dottoressa Francesca Pasini che ci illustra i benefici della musica in gravidanza e il rapporto che instaura tra mamma e bambino:

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie