Produrre energia pulita con l’urina, oggi è possibile:ecco come

Gli esseri umani, nel corso della loro storia, hanno progettato e realizzato vari tipi di macchine capaci di produrre energia o, meglio, di trasformare l’energia nella forma più utile alle loro necessità. Da questo punto di vista noi stessi possiamo essere considerati come macchine che producono enegia.Oggi è possibile attraverso l’utilizzo dell’urina

Produrre energia pulita con l’urina,oggi è possibile,grazie al sistema ideato e firmato da Franco Lisci, ricercatore, progettista di impianti, con un passato dentro la Fiat, e da oggi anche produttore di motori di energia elettrica normati a legge, certificati e marchiati CE alimentati con urina. Tutto funziona in modo autonomo senza rete elettrica, senza alcun derivato petrolchimico, senza bruciare nulla, solo ed esclusivamente con l’uso di una sostanza che ogni giorno il nostro corpo produce ed espelle, appunto l’urina. L’azienda di Franco Lisci “la guspinese impianti ” fa parte del Polo Produttivo La Casa Verde CO2.0, una rete di 75 aziende che operano in distretto di filiera, scambio di competenze e ricerca condivisa.

La sinergia ha consentito anche il superamento di alcune problematiche relative all’impianto di energia elettrica a urina. La formazione della condensa di particelle inquinanti e la rumorosità sono state infatti risolte grazie all’uso di un filtro specifico, Orilana smart, 100% pura lana di pecora, prodotto dal team dell’industria sarda Edilana che produce materiali dotati di potere igrometrico antimuffa che evitano condense e insalubrità dell’edificio, ad alta performance nel risparmio termico per l’efficienza energetica e nella correzione acustica e di disinquinamento ambientale di pericolosi aldeidi e chetoni tossici (formaldeide, benzene ecc.) che vengono neutralizzati.

Durante la produzione di energia non si generano inquinanti come gli scarichi dannosi a cui ci ha abituato la petrolchimica, bensì aria pulita che analizzata è equivalente a quella che respiriamo al mare. Al fine del suo ciclo produttivo l’urina diventa un’ottima acqua di pozzo, ottimale per diversi utilizzi tra cui innaffiare le piante, a cui apporta sostanze importanti per la salute della piante ma Gli apparecchi di energia elettrica a urina sono di piccole dimensioni. Ad esempio per la produzione di un Kw, il motore occupa appena 40-50 cm e sta ovunque e si può portare ovunque. Per la produzione di 3 Kw, l’impianto occupa uno spazio di circa 1, 20 cm con annesso il serbatoio di urina. Per produrre 1 kw per 6 ore di energia continua occorrono all’incirca due litri di urina. Il costo ad esempio per tenere accese per 6 ore consecutive 40 lampadine a risparmio energetico più una piastra elettrica per cottura del cibo o un forno a microoonde è di un litro e mezzo di urina.

“L’energia a urina è adatta non solo per i consumi domestici ma anche per i motori di automobili, di camion e barche che – precisa Franco Lisci – potrebbero usare il 100% di urina pura, al posto della benzina e di altri carburanti, ma ciò risulta illegale per lo Stato italiano. E’ invece consentito dalla legge italiana l’uso di additivi”.”Abbiamo quindi realizzato dei trasformatori che consentono di usare nel motore l’urina come additivo – prosegue il progettista – Su un’auto a benzina consente un risparmio del 35%, su un’auto a gasolio del 60% e su un veicolo a gas dell’80%. Una imbarcazione o un peschereccio possono risparmiare fino al 65% di gasolio”. L’energia prodotta dall’urina si utilizza nel momento in cui la si produce quindi non è stoccabile, non è vendibile, e neppure può alimentare gli appetiti e le spartizioni che gravitano intorno all’energia verde.

Si può usare sia urina umana che animale, ed infatti il caseificio di Gennè Sciria sta modificando i suoi impianti per produrre una serie di formaggi e saponi usando l’energia pulita prodotta con l’urina delle capre e delle pecore della sua azienda. E’ possibile alimentare i fabbisogni di una intera abitazione o di una parte di essa ad esempio progettare una cucina di cui il piano cottura -forno siano alimentati a urina. Nel distretto di filiera che fa capo al polo Produttivo La Casa Verde CO2.0, ci sono tutte le figure tecniche e le aziende per poter usare questa energia.

La base di tutto è la ricerca condivisa che regola le nostre innovazioni considerate prima di tutto beni relazionali e poi la multidisciplinarietà. Molto si deve alla medicina e in questo caso ai ricercatori canadesi della University of Alberta che da un decennio analizzano le molecole dell’urina arrivando a selezionare più di 3000 sostanze preziosissime che, oltre a consentire esami medici più veloci e meno dolorosi, aiuteranno lo sviluppo di nuovi utilizzi e tecnologie nei diversi settori dell’abitare e della mobilità.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie