Salute: laser multi-fotone, la nuova speranza per curare l’Alzheimer e il Parkinson

Attraverso il laser una nuova speranza per la cura di malattie cerebrali come il morbo di Creutzfeldt-Jakob,(noto come morbo della mucca pazza), l’Alzheimer e il Parkinson.

Scienziati della Chalmers University of Technology in Svezia e dalla Polish Wroclaw University of Technology in Polonia hanno messo a punto una nuova tecnica laser che potrebbe rappresentare un valido trattamento terapeutico per queste patologie neurodegenerative per le quali al momento non esiste una cura vera e propria.

In pratica è stato studiato l’efficacia di un laser a multi-fotone in grado di distinguere le aggregazioni proteiche dannose dalle altre invece innocue per il paziente. Si tratta del primo studio al mondo che utilizza la luce come trattamento potenziale per questo genere di malattie.

Il dott. Piotr Hanczyc, uno degli autori dello studio, spiega sulle pagine di Nature Photonics: “questo è un approccio totalmente nuovo e crediamo che questo potrebbe diventare un importante passo avanti nella ricerca nelle malattie come l’Alzheimer, il Parkinson e la malattia di Creutzfeldt-Jakob. Abbiamo trovato un modo totalmente nuovo di scoprire queste strutture usando solo la luce laser”.

Il trattamento si basa sull’idea di rimuovere gli aggregati proteici dannosi in modo tale che la malattia venga debellata dall’organismo. La terapia foto-acustica sarebbe in grado di garantire questo lavoro e di liberare il cervello dagli effetti nocivi di tali aggregati proteici.

Serviranno ovviamente trial clinici sull’uomo per verificare la reale efficacia dell’intuizione di questo gruppo di ricercatori svedesi e polacchi.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie