botti e fuochi d’artificio,regole da seguire per evitare che la festa si trasformi in tragedia

Non lasciare mai sui balconi: tende, teli di plastica, scope, contenitori di carta o plastica, tappeti, panni stesi o qualsiasi materiale combustibile; togliere dai balconi e terrazzi tutti i materiali combustibili che potrebbero venire incendiati dal petardo lanciato di un vicino.

Non indirizzare mai i fuochi verso balconi, finestre, bidoni dell’immondizia, auto, addobbi natalizi. Non collocare mai i fuochi d’artificio nelle vicinanze di luoghi abitati o dove siano depositi di paglia, di grano, fienili, boschi. In caso di vento evitare di sparare quelli a razzo e comunque non lanciarli mai controvento. Non accendere mai i fuochi d’artificio dentro gli appartamenti, mai sui balconi e mai in prossimità di altre abitazioni o automobili. Non accendere gli articoli pirotecnici vicino le case, persone e posti a rischio di incendio. Non usare in caso di vento! I fuochi d’artificio devono stare ad una certa lontananza dagli spettatori (se posizionati a terra a non meno di 15 metri, se con sistema a razzo a non meno di 30 metri dalla zona di sparo), onde evitare possibili incidenti”.

Questi che seguono sono alcuni consigli su come conservarli e utilizzarli. “Tenerli lontani da fonti di calore, fiamme libere, dall’umidità, da sostanze infiammabili o combustibili – si legge nel comunicato -. Mai tenerli in contenitori di plastica sia perché combustibili sia per il rischio di cariche elettrostatiche. Non tenere mai articoli pirotecnici in tasca, in borse o zaini. Accendere sempre un artifizio alla volta tenendo gli altri lontani ed al riparo da eventuali scintille. Accendere la miccia allungando il braccio, tenendo il petardo a distanza dal busto. Se trovate fuochi d’artificio inesplosi, non toccateli, potrebbero esplodere da un momento all’altro. Molti ferimenti avvengono il giorno dopo a causa degli artifizi trovati in strada inesplosi. L’utilizzo improprio potrebbe incendiare gli abiti che si indossano. Mai mettere indumenti in pile, fibra sintetica o acetati, basta una scintilla per trasformare questi abiti in torce di fuoco. Una volta finito di sparare i fuochi d’artificio occorre vigilare per qualche decina di minuti affinché le scintille e le braci residue non abbiano innescato materiali combustibili. In caso di mancato o parziale funzionamento non tentare di riaccendere l’artifizio

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie