Giovani e tecnologia,italiani poco propensi alle novità

Meglio un tablet che un viaggio. Questo il resoconto del sondaggio fatto da Microsoft su studenti universitari da quasi tutta Europa: Italia, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Francia, Spagna e Irlanda .

Il 40%, su un campione di 28.000 giovani, ha detto che in caso di aumento di budget, spenderebbe in tecnologia. Un numero alto se si considera che il 15% di loro preferirebbe un week-end con gli amici e l’11% gli acquisti. Giovani-tecnologia

“Sebbene questo risultato possa non stupire molti, è sorprendente scoprire quanto gli studenti di oggi dipendano dalla tecnologia, con posizioni a volte estreme”, dice Microsoft. Difatti il 23% di loro rinuncerebbe  a 20 anni di vita pur di avere internet. Altro dato che fa riflettere, 37% degli universitari preferirebbe ricevere app gratis piuttosto che cibo gratuito per tutta la vita.

In controtendenza i giovani italiani, i quali -attratti anche dalle nostre bellezze- preferiscono i viaggi (25%) rispetto agli smartphone (18%). Quanto ai social-network, i ragazzi del Belpaese sono quelli che vi trascorrono più tempo. Spesso si parla negativamente della situazione tecnologica italiana, citando ritardi e arretratezze. Dal sondaggio di Microsoft però si evince che anche nella vita interpersonale la tecnologia è un’arma a doppio taglio.

Matteo Melani

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie