Coltivazioni OGM, inizia la neo colonizzazione dell’Africa

OGM, l’Africa il posto adatto dove realizzare le coltivazioni.Industrie alimentari,politici e scienziati europei in questi ultimi mesi hanno compiuto diverse missioni nel continente africano per individuare le condizioni adatte, climatiche e territoriali, ma soprattutto politiche, per impiantare coltivazioni bandite dal territorio europeo.

Questa settimana si svolgeranno incontri tra consulenti scientifici pro-OGM della Commissione europea provenienti da Germania, Ungheria, Italia e Svezia, guidati dalla responsabile Anne Glover, ed i ministri dell’Agricoltura dell’Etiopia, del Kenia, Ghana e Nigeria. Secondo il Consiglio europeo dell’Accademia delle Scienze (EASAC), l’incontro è destinato a promuovere la collaborazione tra vecchio continente e Paesi africani per sviluppare una collaborazione sulle coltivazioni geneticamente modificate.

Non mancano le critiche a questa politica, definita ‘neo colonizzatrice’, da parte dei movimenti ambientalisti -‘l’Africa è l’ultima frontiera per l’agricoltura commerciale su larga scala’- che denunciano come dalla coltivazione delle sementi OGM non derivi alcuna certezza di un beneficio a favore delle popolazioni locali ma solo un modo subdolo per aggirare i divieti di coltivazione sul territorio europeo.

Secondo il Servizio Internazionale per l’Acquisizione di Applicazioni Agri-biotech (ISAAA), oltre al Sud Africa, dove si impiantano cresce colture alimentari geneticamente modificate e il Burkina Faso ed il Sudan dove in vece viene coltivato il cotone OGM, i Peasi africani dove si dovrebbero avere entro il 2017 le prime coltivazioni OGM di massa sono il Camerun, l’Egitto, il Ghana, il Kenya, il Malawi, la Nigeria e l’Uganda .

I dati annuali dell’ ISAAA dimostrano che gli agricoltori statunitensi nel 2013 hanno piantato 70.1ml di ettari di colture GM, meno dell’1% in più rispetto al 2011 e 2012 e gli ultimi dati mostrano che il 77% delle colture mondiali OGM sono coltivate principalmente in tre paesi -il 40% negli Stati Uniti, il 23% in Brasile e del 14% in Argentina – con impianti insignificanti in Europa e in Africa .

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie