Curare l’infarto con cellule staminali, al via la sperimentazione

Al via la sperimentazione Bami che prevede il coinvolgimento di 3000 pazienti di 11 paesi dell’Unione europea, tra questi, anche l’Italia. Lo studio finanziato dalla Commissione Europea ha lo scopo di ridurre per oltre la metà dei casi, le morti da infarto e gli scompensi cardiaci che ne susseguono.

Tutti i pazienti saranno trattati entro cinque giorni dopo che hanno subito un attacco di cuore. Le cellule staminali prelevate dal proprio midollo osseo saranno iniettate nei loro cuori, nella speranza di aumentare i tassi di sopravvivenza di un quarto.Questo studio segue la serie “Rigenerate” che consisteva di tre studi finanziati da beneficenza e guidati da consulente cardiologo e professor Anthony Mathur.

“Lo studio BAMI è la più grande e più completa prova del suo genere al mondo e avviene nella scia del successo della serie Rigenerate“, ha detto il capo e coordinatore del progetto Prof. Mathur.“Ci sono voluti due anni per arrivare al punto in cui siamo pronti ad accettare pazienti, ma ora che abbiamo raggiunto questo stadio siamo tutti molto eccitati. I nostri studi ci diranno se le cellule staminali adulte dal midollo osseo possono riparare i cuori danneggiati e, in caso affermativo, il metodo giusto onde somministrate queste cellule ai pazienti”.

Il suo co-ricercatore, professor John Martin, dell’University College di Londra, ha dichiarato: “Questo processo mette insieme una potente associazione di medici e scienziati europei per risolvere un problema di fondamentale importanza per tutte le persone. Darà una definitiva risposta sulla questione delle cellule staminali adulte multi-potenziali che inserite nel loro ambiente naturale possono o meno curare la malattia cardiaca”.

Ricordiamo che le cellule staminali sono cellule immature capaci di differenziarsi in diversi tipi di tessuto. Il midollo osseo in questione contiene due tipi di cellule staminali adulte che possono differenziarsi in una gamma di tipi cellulari, comprese le cellule del muscolo cardiaco e cellule del sangue.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie