Gatti domestici trasmettono la Tbc, 2 persone contagiate in inghilterra

Il numero di gatti che potrebbero essere stati infettati dal bacillo di Koch, o Mycobacterium tuberculosis, che colpisce i bovini e altri animali,è più alto di quanto stimato in precedenza.Secondo quanto riferisce la Bbc news ,in Inghilterra si sarebbero verificati due casi.I contagi sembrerebbero legati ai nove casi di infezione da Mycobacterium bovis nei gatti lo scorso anno nell’Hampshire e nel Berkshire. Il rischio di trasmissione del batterio responsabile della tubercolosi negli animali, rimane comunque “molto basso” per gli uomini, sottolineano gli esperti.La malattia è stata diagnosticata nel corso degli screening effettuati sulle persone che avevano avuto contatti con i gatti infetti. Sono stati scoperti altri due casi di Tbc latente, esposti cioè al batterio senza aver sviluppato la malattia.

Secondo una ricerca svolta dai ricercatori dell’Università di Edimburgo i mici di casa possono contrarre la malattia, mangiando animali infetti, o anche venendone soltanto in contatto o ancora bevendo latte contaminato.Secondo la prof.ssa Danielle Gunn-Moore, che ha coordinato lo studio pubblicato su Transboundary and Emerging Diseases, il potenziale d’incidenza della micobatteriosi felina è più alto di quanto si pensasse. Il pericolo per i felini casalinghi è la maggiore odierna diffusione della malattia tra i bovini.

Durante lo studio, i ricercatori hanno scoperto che circa l’1% dei campioni analizzati erano infettati dal Mycobacterium T., il che, secondo loro, è spaventoso. Per questo motivo i veterinari dovrebbero essere messi al corrente di quanto sta accadendo ed essere consapevoli della possibile presenza della malattia in molti più gatti di quanto non si ritenga.

Allo stesso modo, le persone che hanno a che fare con i gatti dovrebbero essere consapevoli dei rischi, poiché la malattia può essere trasmessa all’uomo. Una visita dal veterinario per scongiurare il pericolo diviene dunque necessaria, per la serenità e la salute del gatto e infine anche del proprietario.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie