ll sorriso del neonato arriva a 2 mesi, video

Il sorriso dei primi mesi è il linguaggio di cui dispone il neonato per comunicare.Uno studio dei ricercatori della London Birkbeck University, in Gran Bretagna,si è posto l’ obbiettivo di studiare il sorriso, come strumento sociale e soprattutto all’interno della famiglia.Il laboratorio BabyLab dedicato al cervello e allo sviluppo cognitivo ha condotto un’ indagine tra oltre 1.400 coppie di genitori in 25 Paesi per stabilire quali fossero i comportamenti dei neonati registrati direttamente dai genitori.

Il 90% dei neo genitori afferma che il primo sorriso nasce a due mesi di vita. I maschietti sembrano avere più senso dello humor delle femminucce, perché sorridono in media 50 volte al giorno rispetto alle 37 delle coetanee.Nel corso del secondo mese di vita, quando il bambino comincia a vedere distintamente il volto dei genitori, a vedere i veri sorrisi, a questo punto il piccolo è ben sveglio e partecipa al mondo che lo circonda. Per il momento gli interessano più i volti che gli oggetti, e preferisce i visi visti di fronte alla distanza di 20-40 centimetri.

I bambini hanno il potere di far fare agli adulti cose apparentemente sciocche che però sono importanti per un armonico clima familiare”, afferma Addyman che sta catalogando i diversi tipi di contatto che generano una reazione di felicità nel bambino. Ad esempio il solletico. Il contatto fisico è durante il bagnetto è una fonte di stimolazione nervosa che in maniera involontaria induce nel bambino la risata. Ma ciò che ha sorpreso Addyman è la testimonianza, condivisa da più genitori, che basti “mimare” il gesto del solletico per avere una risposta.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie