La foresta Amazzonica “inspira” più Co2 rispetto a quella che emette

La foresta Amazzonica ‘inspira’ più anidride carbonica rispetto a quella che emette.A dirlo sono i ricercatori della Nasa attraverso uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, che chiarische le problematiche relative a un dibattito di lunga data sul bilancio globale del carbonio assorbito ed emesso dal bacino amazzonico. Gli alberi catturano l’anidride carbonica dall’aria man mano che crescono, ma quando muoiono immettono di nuovo nell’aria il gas serra a causa della decomposizione.

I ricercatori coordinati da Fernando Espirito Santo del Jet Propulsion Laboratory della Nasa,sono riusciti a mettere a punto nuove tecniche per identificare gli alberi morti dai dati satellitari ed aerei. A esempio gli alberi caduti creano un vuoto nella copertura forestale che può essere misurato con i radar ottici e il legno morto ha colori diversi che possono essere rivelati nelle immagini satellitari. È stato scoperto che ogni anno gli alberi dell’Amazzonia in decomposizione immettono in atmosfera circa 1,7 miliardi di tonnellate metriche di carbonio. Questi dati sono stati confrontati con l’assorbimento del carbonio da parte dell’Amazzonia, basato sui censimenti della crescita delle foreste. È risultato che l’assorbimento di carbonio degli alberi della foresta compensa le emissioni delle piante in decomposizione: con la conseguenza che l’effetto prevalente è l’assorbimento di questo gas.

Si stima che ogni anno, circa il 2 % di tutta la foresta Amazzonica muoia per cause naturali. Lo studio ha tenuto conto solo di questi processi naturali e non delle attività umane come la deforestazione, che variano ampiamente e rapidamente alle mutevoli condizioni politiche e sociali.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie