Smettere di fumare, funziona come un farmaco antidepressivo

Le difficoltà nel dire addio alle bionde sono davvero molte, considerando la dipendenza che creano, inoltre, ci sono tutta una serie di timori che fanno sì che la gente non tenti neppure di smettere di fumare.

L’irritabilità e gli altri sintomi di astinenza che accompagnano la disintossicazione sono provocati da un brusco cambiamento della quantità di nicotina che giunge al cervello,ma una volta superato il nervosismo iniziale, smettere di fumare provoca effetti benefici sull’umore paragonabili a quelli di un farmaco antidepressivo. Lo afferma uno studio dell’università di Oxford pubblicato dal British Medical Journal, secondo cui questo vale anche per chi ha dei problemi psicologici.

La ricerca è una revisione di 26 studi precedenti sul tema, condotti sia sulla popolazione generale che su pazienti di reparti psichiatrici, in cui in media i partecipanti fumavano 20 sigarette al giorno. In tutti gli studi la salute mentale dei soggetti era misurata prima di smettere e dopo sei mesi. ”Le persone che hanno smesso hanno meno ansia, depressione e stress – scrivono gli autori – e miglioramenti nella qualità della vita psicologica”.

Secondo lo studio anche l’affermazione che smettere di fumare renda nervosi è errata. ”Si tende a confondere i sintomi momentanei dell’astinenza da nicotina – spiegano – con dei veri problemi psicologici’

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie