USA, 30 anni nel braccio della morte, era innocente

Glenn Ford, 64 anni,accusato di omicidio nel 1983, e condannato a morte, è stato rilasciato negli Stati Uniti dopo aver trascorso 30 anni in attesa di essere giustiziato.Acccusato di avere ucciso un gioielliere, si era sempre dichiarato innocente,ora un giudice della Louisiana sulla base di nuove informazioni che confermano la sua versione dei fatti lo ha scagionato.

Il giudice, ha spiegato l’avvocato di Ford, ha riconosciuto che il processo è stato “compromesso da avvocati inesperti e dal fatto che alcune prove sono state dichiarate inammissibili, incluse informazioni fornite da un informatore”.”Sono stato imprigionato per quasi 30 anni per qualcosa che non ho fatto”, ha detto una volta fuori dal penitenziario. “Quando mi hanno condannato i miei figli erano piccoli, ora sono uomini. La mia mente va in tute le direzioni, ma sto bene”, ha aggiunto.

E’ il primo carcerato nella storia moderna degli Stati Uniti ad essere rimasto così a lungo nel braccio della morte prima di essere riconosciuto innocente.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie