saponi antibatterici, con triclosan aumentano il rischio infezioni

Un agente antibatterico che si trova in saponi, shampoo e dentifrici contiene il Triclosan,un prodotto derivato dal clorurato del fenolo.Per la sua tossicità può promuovere la colonizzazione di alcuni ceppi di stafilococco aureo, dando luogo a svariate infezioni, anziché combatterle.A dirlo i ricercatori dell’Università del Michigan, che hanno condotto uno studio pubblicato su ‘mBio’, la rivista della American Society for Microbiology.

Il triclosan è un composto artificiale utilizzato in una vasta gamma di prodotti per la cura personale come saponi antibatterici, dentifrici, prodotti per le superfici della cucina, vestiti e attrezzature mediche, ed è stato rilevato nel canale nasale del 41% degli adulti appartenenti al campione studiato.

Una buona percentuale di loro era soggetta a contrarre varie affezioni da stafilococco aureo (S. aureus).Blaise Boles, professore di biologia molecolare, cellulare e dello sviluppo all’Università del Michigan,spiega come il Triclosan sia stato adoperato da oltre quarant’anni e venga usato da almeno dieci come antibatterico di routine nella maggior parte dei prodotti anche a uso casalingo.

Inoltre i ricercatori hanno anche asserito di voler condurre un indagine molto più approfondita per capire se il Triclosan influenzi la colonizzazione microbica in altre parti del corpo umano.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie