apnee notturne: trovata la soluzione, boccagli in titanio stampati in 3D

Il russare è un fenomeno che non risparmia le case degli italiani. Le stime parlano di circa 20 milioni di russatori professionisti, mentre il 2% delle donne e il 4% dei uomini fra i 30 e i 60 anni soffrono di sindrome delle apnee ostruttive nel sonno conseguente calo della saturazione di ossigeno nel sangue arterioso.Oggi grazie alla stampa in 3d, ricercatori australiani hanno messo a punto dei boccagli in titanio su misura per aiutare a respirare chi russa e chi soffre di apnea nel sonno . Il congegno, prodotto dall’Ente nazionale di ricerca Csiro, sarà disponibile per i pazienti a partire dal 2015.

Per lo sviluppo del congegno, i ricercatori hanno utilizzato uno scanner 3D per mappare la bocca del paziente, devia l’aria attorno ai denti verso la trachea, bypassando il tessuto ostruttivo nella bocca che bloccherebbe la respirazione durante il sonno.

Ogni persona ha dimensioni diverse con differente larghezza della dentatura – ha dichiarato l’esperto in stampa 3D John Barnes sul sito del Csiro – Il fatto che ora possiamo disegnare e stampare un boccaglio completamente sulle misure del paziente, è rivoluzionario. Basta chiudere la bocca e si adatta perfettamente”.

Circa una persona su 25 soffre dei sintomi dell’apnea nel sonno, che causa stanchezza cronica e aggrava il rischio di malattie di cuore e di morte prematura. I trattamenti esistenti comprendono congegni che spingono in avanti la mascella inferiore per tenere aperte le vie respiratorie e nei casi più gravi una maschera facciale che crea un flusso continuo di aria.

40 boccagli alla volta possono essere creati in 14 ore usando la stampante tridimensionale al titanio del Csiro e secondo un portavoce della Oventus il congegno potrà essere disponibile ai pazienti già il prossimo anno. Il laboratorio 3D del Csiro è usato attualmente per produrre una serie di prototipi, fra cui impianti biomedici, parti di ricambio per automobili, aerospazio e difesa, e anche zoccoli superleggeri per cavalli da corsa

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie