L’elisir dell’eterna giovinezza si trova nel sangue, sperimentazione sui topolini

Nel sangue l’elisir dell’eterna giovinezza, negli anziani potrebbe convertire il processo di invecchiamento.Uno studio pubblicato su Nature Medicine è stato sperimentato dai ricercatori dell’Harward Stem Cell Institute della Stanford University, della University of California .Il sangue di topi giovani iniettato in roditori più anziani sembra contrarrestare alcuni degli effetti legati all’invecchiamento.

Un primo studio ha unito i sistemi circolatori di due topi: il più vecchio ha tratto notevoli benefici e dopo due settimane l’attività di formazione delle cellule staminali è aumentata; al contrario, però, peggio è andata all’esemplare più giovane, che ha mostrato un rallentamento nella produzione di staminali.

Le trasfusioni fra i topi sembra funzionare ma solo a vantaggio di quelli più vecchi; quanto alle possibili applicazioni in campo medico i dubbi non mancano: dall’efficacia, al dosaggio, dalla frequenza delle trasfusioni a alle possibili conseguenze a lungo termine.

Tuttavia, almeno una startup farmaceutica, la Alkahest, ha intenzione di intraprendere il più presto possibile degli studi sugli esseri umani, in particolare su pazienti affetti dal morbo di Alzheimer, le cui capacità cognitive saranno valutate prima e dopo il trattamento.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie