E’ negli alberi il segreto delle nuvole

L’ingrediente ‘segreto’ delle nuvole si nasconde nelle foreste: i vapori prodotti dall’attività degli alberi sono fondamentali nel complesso ciclo di formazione delle nuvole, le ‘tende’ che aiutano a controllare la temperatura del pianeta. Sono i risultati pubblicati su Science dell’esperimento Cloud (Cosmics Leaving Outdoor Droplets) al Cern che fa luce sui meccanismi di formazione e gli ingredienti che formano i ‘semi’ dai cui nascono le nuvole.

“Abbiamo identificato – ha spiegato Jasper Kirkby, uno dei responsabili dell’esperimento Cloud – uno degli ingredienti chiave della formazione di nuovi aerosol, le particelle presenti in nell’atmosfera. Un risultato importante in quanto il loro impatto sulla formazione delle nuvole è stato definito dal Panel Internazionale per i Cambiamenti Climatici (Ipcc) come la più grande fonte di incertezza nei modelli climatici attuali”.

I processi fisici che portano dal semplice vapore d’acqua alla formazione di nuvole sono infatti estremamente complessi. Gli aspetti più ‘oscuri’ sono legati soprattutto alla formazione chimica dei ‘semi’ su cui si legano le goccioline d’acqua presenti nell’atmosfera, i ‘mattoncini’ che formano le nuvole. Gli esperimenti condotti con Cloud, una ‘stanza’ larga 3 metri dove è possibile riprodurre tutte le condizioni atmosferiche, rivelano ora che questi semi sarebbero il prodotto dell’incontro tra l’acido solforico e i gas prodotti dagli alberi.

“Il motivo per cui ci è voluto tanto tempo per capire questo fenomeno – ha spiegato Kirkby – è che queste particelle sono presenti in quantità minime, circa una molecola ogni mille miliardi di molecole d’aria”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie