Sostanze chimiche nel dentifricio e sapone, potrebbero compromettere la fertilità maschile

Le sostanze chimiche nel dentifricio, sapone e giocattoli di plastica potrebbero compromettere la fertilità maschile. I ricercatori hanno scoperto che circa un terzo delle sostanze chimiche ‘non tossiche’ utilizzate in oggetti di uso quotidiano drammaticamente possono influenzare la potenza delle cellule dello sperma, che porta ad un aumento nella sterilità.

Lo studio è il primo a trovare un collegamento diretto tra comuni prodotti chimici artificiali e un declino nella potenza dello sperma umano. Ingredienti trovati in creme solari, detergenti e plastiche rendono lo sperma infertile. I ricercatori hanno anche scoperto un ‘effetto cocktail’, che ha mostrato che gli effetti sono stati amplificati quando le diverse sostanze chimiche erano presenti. Lo studio faceva parte di una più ampia ricerca sul sistema endocrino e sulle sostanze chimiche che, per diversi anni, sono stati collegate con la diminuzione di fertilità negli uomini. I risultati dello studio potrebbero causare nuovi richiami che potrebbero determinare il divieto o la restrizione delle sostanze chimiche in determinati prodotti.

Il Professor Niels Skakkebaek, dell’ospedale universitario di Copenhagen in Danimarca, che ha effettuato la ricerca, ha detto: “per la prima volta, abbiamo dimostrato un legame diretto tra l’esposizione e l’alterazione del sistema endocrino da sostanze chimiche contenute nei prodotti industriali e gli effetti negativi sulla funzione di sperma umano. “A mio parere, i nostri risultati sono chiaramente preoccupanti come alcune sostanze chimiche alterano il sistema endocrino e sono forse più pericolose di quanto si pensasse. Un’importante notizia in campo scientifico che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ritiene utile segnalare. Questa scoperta apre la strada a nuovi studi clinici futuri, i cui risultati possono spiegare la ridotta fertilità di coppia, che è molto comune nelle società moderne e che colpisce milioni di persone nel mondo.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie