Tumore al seno, individuate 17 sostanze responsabili

In Italia il cancro al seno colpisce 1 donna su 8 e rappresenta il 29% di tutti i tumori che colpiscono le donne (fonte Airc) con un tasso di mortalità del 16%. Nel 2012 sono stati diagnosticati circa 46mila casi di cancro della mammella. Un recente studio pubblicato sulla rivista Environmental health perspectives, ha individuato 17 sostanze che le donne dovrebbero evitare per ridurre il rischio di contrarre il cancro al seno.

Dalla loro valutazione è emerso che 17 sostanze sembrano comportare un rischio di cancro al seno più alto delle altre. Queste sostanze (molte delle quali in realtà già note per essere nocive o cancerogene) sono presenti soprattutto nei gas di scarico delle automobili, nella benzina, nell’aria inquinata, nel fumo di sigaretta. Ma anche in alcuni cibi troppo cotti (fritti ad alte temperature o carbonizzati), tinture, mobili trattati con PFOA, in qualche farmaco, nei ritardanti di fiamma e in certi solventi chimici (alogenati).

Uno dei limiti di questo studio è che pochi agenti sono stati effettivamente valutati in maniera approfondita nella specie umana. Nonostante questo, però, bisognerà sicuramente tenere conto dei suoi risultati nello sviluppo dei futuri programmi di prevenzione del tumore della mammella. Sarebbe infatti auspicabile, ove possibile, ridurre l’esposizione della popolazione a queste sostanze.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie