A Milano una task force e un centralino per il soccorso degli animali

Un servizio attivo 24 ore su 24 dedicato agli animali per le segnalazioni di smarrimento, di maltrattamento, le richieste di soccorso, le emergenze sanitarie, avvistamenti di randagi o di animali protetti.

E’ stato costituito un nucleo speciale di intervento della Polizia locale di Milano appositamente preparato e fornito di apparecchiature per la lettura dei microchip identificativi. Sono le novità, già attive in via sperimentale da alcune settimane e ora formalizzate con una delibera approvata dalla Giunta comunale di Milano, contenute in un protocollo d’intesa tra Servizio Tutela Animali, Polizia locale e Asl.

Per segnalare qualsiasi anomalia che riguarda gli animali basta chiamare la centrale operativa della Polizia locale, attiva tutti i giorni tutto il giorno allo 02 02 08, che individuerà la modalità di intervento più idonee coinvolgendo se necessario il Servizio tutela animali o il Dipartimento veterinario e fungendo da raccordo con tutti gli enti, in particolare per le urgenze.

Opereranno agenti della Polizia locale che hanno seguito un corso specifico di addestramento e sono muniti di lettore di microchip, oppure agenti di zona. L’unità operativa ha già effettuato 220 interventi a seguito di segnalazioni da parte dei cittadini negli ultimi due mesi. Gran parte delle chiamate ricevute riguardano cani e in tre casi si trattava effettivamente di randagi, a fronte di oltre 50 chiamate. Ci sono stati casi di morsicatura, di cuccioli di cani e gatti abbandonati e recuperati, di cani lasciati chiusi in macchina o in auto.

Abbiamo voluto costituire un’unità specializzata sugli animali dichiara Marco Granelli, assessore comunale alla Sicurezza e Coesione sociale, Polizia locale – grazie anche alla collaborazione di Asl e Servizio Tutela Animali. Da molto tempo arrivano alla Centrale operativa della Polizia locale segnalazioni di animali in sofferenza o altre situazioni che richiedono specifiche competenze, rapidità di intervento e conoscenza del territorio.

Fin dall’arrivo della chiamata viene attivato un protocollo preciso ed efficace che fa tesoro dell’esperienza acquisita’’.’’Abbiamo fatto la scelta precisa di gestire, direttamente come amministrazione pubblica e non affidandolo ad esterni come si faceva in passato, tutta la filiera del soccorso animali – afferma l’assessora al Benessere e Qualità della Vita Chiara Bisconti – una scelta che riteniamo giusta per diversi motivi tra cui l’oggettivo risparmio per le casse pubbliche e per l’alta professionalità degli operatori. La nostra attenzione per la qualità della vita di tutti coloro che abitano la città, animali compresi, è massima. E tanto più lo è per qualsiasi servizio di supporto e tutela d’urgenza’’.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie