Progetti a zero emissioni: nuovi “esperimenti” di successo in tutta Europa

Le energie rinnovabili e gli utilizzi industriali non hanno sempre goduto di una perfetta sintonia: tuttavia, nonostante le eco-energie siano viste come sostanzialmente inadatte a soddisfare i fabbisogni energetici industriali a causa del grande consumo richiesto dagli impianti, diversi esperimenti di successo in tutta Europa puntano a dimostrare il contrario.

È il caso – sottolineava ad esempio un recente approfondimento di SosTariffe.it – della tedesca Solvis, che ha realizzato un edificio coperto interamente da una struttura metallica nella quale sono stati installati dei moduli fotovoltaici che consentono un basso consumo energetico, coperto esclusivamente da fonti rinnovabili.

In Austria, il birrificio Goss alimenta il processo di miscelatura con vapore che attraversa uno scambiatore di calore all’esterno del tino per la cottura del malto. Ad integrare il calore solare termico è un nuovo scambiatore di calore all’interno del tino di cottura, che consente un approvvigionamento energetico ibrido per la fase di cottura, includendo l’energia solare termica, il calore di recupero e una caldaia a biomassa.

In Italia, di particolare interesse è l’esperimento del Politecnico di Milano e della RESEDA onlus: un campo solare di più di 1.000 metri quadri di superficie impiegati per alimentare un processo di pulitura e tintura dei tessuti. L’impianto sarà realizzato in Tunisia come frutto di una collaborazione internazionale che punta a concentrare maggiore attenzione sull’efficienza e sulla durata dell’opera, massimizzando il vantaggio dell’investimento effettuato.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie